Attualità

Lavoratori "maltrattati" dall'azienda, sciopero della raccolta rifiuti

Scatta la protesta nel cantiere di igiene urbana per il mancato riconoscimento di istituti contrattuali

Proclamato lo sciopero nel cantiere rifiuti

Proclamato lo sciopero nel cantiere di igiene urbana di Teverola. I dipendenti della ditta Ecoce s.r.l. hanno deciso di "incrociare le braccia" nella giornata di venerdì 13 dicembre. 

"L’astensione dal lavoro è stata decisa dai lavoratori che manifestano contro il mancato riconoscimento di istituti contrattuali previsti dal contratto collettivo nazionale di lavoro di categoria, ma soprattutto per l’indifferenza e la trascuratezza con cui continua a mostrarsi l’azienda rispetto alle evidenti incongruenze retributive, che furono anche oggetto di una riunione, tenuta di recente presso i propri uffici", sottolinea la Fiadel

"I dipendenti della Ecoce vogliono dare un segnale preciso che l’attuale situazione vissuta in azienda non è più sopportabile - continua il sindacato del dirigente provinciale Giovanni Guarino - Il clima è fortemente deteriorato, visto il comportamento assunto dall’azienda, che, nonostante avesse richiesto la revoca dello sciopero, era stata invitata a convocare un ulteriore incontro per definire le problematiche che hanno dato origine allo sciopero".

"Chiediamo allora che la Ecoce dimostri con fatti concreti attenzione ai propri dipendenti attraverso non solo il rispetto del contratto collettivo nazionale di lavoro di categoria, a partire proprio dal pagamento difforme della retribuzione - conclude la Fiadel - Nella prossima settimana saranno promosse nuove manifestazioni di protesta ben più clamorose al fine di sollecitare il pagamento di tutto quanto dovuto ai lavoratori".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori "maltrattati" dall'azienda, sciopero della raccolta rifiuti

CasertaNews è in caricamento