Operatori ecologici senza stipendio, braccia incrociate per 2 ore: la protesta si sposta in Municipio

Oltre il 90% dei dipendenti della società ha partecipato all'assemblea sindacale

Gli operatori hanno scioperato per 2 ore

“Basta, non ne possiamo più. Ci state impoverendo”. Sono stanchi gli operai della Buttol Srl, che stamattina hanno incrociato le braccia per due ore per partecipare ad una assemblea sindacale con la Fiadel Caserta perché “non siamo più intenzionati a tollerare questa situazione. Pretendiamo rispetto per i nostri diritti”. Oltre il 90% degli operai ha partecipato all’assemblea, e ora la protesta si sposta in Municipio. Appuntamento martedì 10 dicembre.

L’assemblea sindacale non è altro che un antipasto di un periodo, coincidente con le festività di fine anno, che si preannuncia molto caldo sul fronte sindacale. L’azienda non fornisce notizie attendibili sui tempi in cui avverranno i pagamenti delle retribuzioni di ottobre, e tantomeno “ci informa sulle valutazioni da effettuare relativamente alle rivendicazioni poste in occasione dell’incontro tenuto di recente presso i propri uffici”, fanno sapere dalla Fiadel. Insomma, a quanto pare, la vertenza sembrerebbe più difficile di quanto appariva inizialmente.

I tempi, però, sono strettissimi e tra qualche giorno sarà scaduto anche il termine ultimo per il pagamento dello stipendio di novembre e della 13° mensilità. Il periodo delle festività di fine anno è ormai alle porte, e questo contribuisce ad alimentare e diffondere incertezza e rabbia tra i lavoratori, i quali “ci hanno chiesto gran voce un intervento sindacale appropriato alla circostanza. Per questo motivo, nei prossimi giorni, sarà preannunciata una seconda assemblea sindacale per martedì 10 dicembre, durante la quale, si terrà anche una manifestazione di protesta presso gli spazi antistanti al Comune”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’impegno della Fiadel non è finalizzato ad attribuire colpe, ma quello di restituire un diritto imprescindibile che è quello del riconoscimento economico, ai protagonisti di questa triste vicenda diciamo “Mai dimenticare che dietro ogni operaio ci sono delle famiglie””.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio nel cuore di Caserta: uccide la mamma poi si costituisce

  • Sorpreso con la motosega nel bosco, sequestrati 40 quintali di legna | FOTO

  • L'omicidio del corso: Rubina uccisa dal figlio a coltellate nella notte

  • Sparatoria alla Bnl, fermata la banda di rapinatori

  • Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

  • Cena finisce in tragedia: uccide l’amico con una coltellata al petto

Torna su
CasertaNews è in caricamento