menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Catello Maresca

Catello Maresca

Il ‘nemico’ dei Casalesi preoccupato: “Subito i ristori altrimenti arriva la camorra”

Catello Maresca: "Il rischio sempre più concreto è quello di passare dalla pandemia sanitaria a quella sociale ed economica che potrebbe essere devastante"

La dilagante crisi economica scatenata dalla pandemia da coronavirus è diventata insostenibile e sempre più aziende rischiano di finire nel mirino della criminalità organizzata, pronta ad approfittare delle difficoltà degli imprenditori per trarre profitti. 

A 'favorire' tale situazione sono sicuramente i ritardi del Governo nell'elargizione dei ristori. "Se non arriva lo Stato con i ristori o qualunque forma di sostegno agli imprenditori, negozianti, commercianti, arriveranno le organizzazioni criminali che sfruttano qualunque emergenza per poter entrare con i loro soldi sporchi nell’economia legale - afferma Catello Maresca, sostituto procuratore generale di Napoli, conosciuto per essere il nemico numero uno del clan dei Casalesi - Dobbiamo fare presto perché è già tardi per scongiurare questo rischio".

Per Maresca "i ristori devono essere adeguati ed arrivare subito ai piccoli imprenditori di ogni attività produttiva del Paese. Sono loro la spina dorsale dell’economia dell’Italia e il rischio sempre più concreto è quello di passare dalla pandemia sanitaria a quella sociale ed economica che potrebbe essere devastante per la tenuta del nostro tessuto socio-economico. Non si può perdere un secondo di tempo. E si deve subito fare un piano di riapertura in sicurezza. Graduale ma certo. Servono certezze, non promesse".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento