Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità

Ripartono le visite "non urgenti" all'Asl

Termoscanner all'ingresso e visite intervallate da 10 minuti: sarà così la Fase 2

All'Asl di Caserta ripartono le visite specialistiche ambulatoriali non urgenti (interrotte nella fase critica dell'emergenza coronavirus): entro venerdì 8 maggio verranno erogate le prestazioni già saldate dall'utenza, nonchè quelle prenotate successivamente.

Intanto il direttore generale dell'Asl, Ferdinando Russo, ha inviato una missiva a tutti i direttori distrettuali contenente tutta una serie di linee guida per la fase 2. Visite intervallate da circa 10 minuti per sanificare gli spazi, divieto per i pazienti di anticipare l'orario di arrivo rispetto all'appuntamento, no ad accompagnatori nelle sale d'attesa (tranne per i minori o per i disabili non autosufficienti), termoscanner per misurare la febbre all'ingresso di ogni paziente. Queste alcune delle direttive fondamentali per l'erogazione delle visite ambulatoriali. 

"E' raccomandato l'utilizzo di cartellonistica recante le idonee misure di distanziamento durante l'attesa e l'individuazione di opportuni percorsi per accedere ai luoghi di diagnosi e cura che consenta ai pazienti di restare il meno possibile all'interno della struttura - si legge inoltre nella missiva di Ferdinando Russo - Negli spazi di uso comune (quali sale d'attesa, scale) è necessario rispettare il distanziamento sociale di almeno 2 metri, nonchè l'opportuna areazione degli spazi. Le mascherine sono obbligatorie sia per gli operatori che per l'utenza. Il flusso di accesso ai servizi igienici deve essere modulato e garantita una più frequente sanificazione degli stessi. Infine, l'utilizzo dell'eventuale ascensore deve essere consentito esclusivamente ai pazienti non deambulanti o con difficoltà motorie, che possono essere accompagnati da un solo parente/caregiver".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripartono le visite "non urgenti" all'Asl

CasertaNews è in caricamento