rotate-mobile
Attualità Santa Maria a Vico

Riattivato il Bancomat guasto da mesi

L'arrivo della nuova dirigente ha sbloccato la problematica che costringeva i cittadini a recarsi nei comuni limitrofi

Il Bancomat dell'ufficio postale di Santa Maria a Vico, vale a dire il Postamat, è stato finalmente riparato. Lo sportello automatico era guasto da mesi, tanto che i cittadini erano costretti a recarsi nei comuni limitrofi per prelevare il proprio denaro.

Dopo diversi appelli l'arrivo della nuova dirigente dell'ufficio postale, Rossella Paolella, ha sbloccato la situazione. Anche perché la responsabile, al suo insediamento, aveva incontrato i consiglieri di minoranza Pasquale Crisci e Francesco De Lucia, esponenti del gruppo "Città di idee", che avevano immediatamente fatto presente la problematica.

Proprio il gruppo "Città di idee" esulta per la riparazione del Postamat: "C’è voluto solo un po’ di buona volontà e soprattutto la prontezza del nuovo dirigente delle Poste di Santa Maria a Vico affinché tutto rientrasse nella normalità. Cosa che non accadeva da tempo. Città di idee ringrazia la nuova dirigente delle Poste per aver dato subito un saggio della sua concretezza facendo felici i tanti anziani che attendevano da tempo la risoluzione della problematica del Postamat".

Soddisfatto anche Alessio Vigliotti, coordinatore di Forza Italia Santa Maria a Vico, che a Natale aveva acceso i riflettori sul guasto che da mesi impediva ai residenti di utilizzare il Postamat: "Questa mattina (5 gennaio, ndr) la nuova direttrice Rossella Paolella ci ha avvisati che è stato ripristinato il servizio all’ATM di Santa Maria a Vico. Voglio aggiungere che è bastato il buon senso della direttrice e la voglia di fare per non mettere in difficoltà ancora una volta i cittadini. infine voglio ringraziare insieme ai consiglieri Pasquale Crisci e Francesco De Lucia la dirigente per aver subito ripristinato il servizio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riattivato il Bancomat guasto da mesi

CasertaNews è in caricamento