rotate-mobile
Attualità Teano

Operai rifiuti senza stipendi, appello al sindaco

La Fiadel si rivolge a Scoglio: "Deve dare un segnale ai lavoratori"

Netturbini lasciati senza stipendio nel cantiere rifiuti di Teano. La Fiadel - che rappresenta 16 dei 18 dipendenti - si appella al sindaco Giovanni Scoglio per "trovare una soluzione al problema" e porre fine ad "uno stato di grande sofferenza da parte degli operai. 

"I 18 operai non percepiscono lo stipendio da diverse mensilità - riferisce Antonio Roccolano commissario della Fiadel Caserta - E' una cosa che può anche portare alla rescissione del contratto con l'azienda. Ci appelliamo al sindaco che è stato eletto appena un mese fa. Deve dare un segnale a questi lavoratori, magari anche anticipando le mensilità pregresse, e ponendo fine alla sofferenze dei dipendenti del cantiere". Una proposta che troverebbe un precedente recente nel casertano a San Nicola la Strada dove il Comune ha attivato la procedura sostitutiva "che prevede il pagamento diretto da parte del Comune in favore dei lavoratori ed in sostituzione dell’appaltatore inadempiente".

Ma non solo. Roccolano evidenzia anche carenze nel cantiere dove "mancano gli spogliatoi e non siamo sicuri che i mezzi siano a norma - sottolinea - E' competenza della polizia municipale effettuare verifiche in tal senso anche perché questo pregiudica il servizio previsto". Al momento i lavoratori stanno avviando azioni di protesta. "Sono state fissate assemblee", ha precisato Roccolano. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operai rifiuti senza stipendi, appello al sindaco

CasertaNews è in caricamento