Tensione rifiuti: "Lavoratore invalido in servizio operativo"

La denuncia del sindacato per il cantiere Ecocar: "Attacchi continui ai nostri iscritti"

Tensione al cantiere Ecocar

"Lamentiamo attacchi di diverso genere e modalità, mirati per gran parte agli iscritti della nostra federazione; demansionamenti, cambi continui degli orari di lavoro, affidamenti a mansioni operative per lavoratori con limitazioni gravi, omesso riconoscimento dei diritti per l’assistenza a familiari con handicap". E' la denuncia della segreteria della Fiadel per i dipendenti del cantiere rifiuti della Ecocar, a Caserta.

"In tale teatro - prosegue il sindacato - appare chiaro che i lavoratori si trovano ad essere oggetto di condotte pregiudizievoli della propria posizione o persona, vengono ad occupare una situazione doppiamente e potenzialmente lesiva. Infatti, si trovano in condizioni di perdere alcuni dei propri riferimenti basilari della vita, la propria immagine, il proprio ruolo lavorativo con tutti i rischi che questo comporta. Costituiscono una variante importante per il determinarsi degli effetti psicosomatici degli atti di violenza, tanto è più sensibile e fragile, tanto maggiore saranno le conseguenze. Come una recente azione discriminatoria o forse per cattiva gestione aziendale, l’ultima perla è quella praticata a danno di un lavoratore invalido, con riduzione permanente della capacità lavorativa all’80%, addetto da sempre all’isola ecologica, al quale inspiegabilmente gli viene cambiato il turno di lavoro con l’assegnazione ad una mansione operativa. Tutto sotto agli occhi del datore di lavoro, che piuttosto di mettere sotto la lente di ingrandimento il cuore dell’organizzazione dell’impresa, cominciando a chiedersi se essa stessa non sia generatrice di rischio, preferisce fare lo struzzo".

Inoltre, prosegue la Fiadel, "per stabilire una corretta attuazione dello straordinario" l'azienda dovrebbe evitare "momentaneamente agli operatori ordini di servizio difformi dai dettami contrattuali, ciò nonostante, sembra che il ruolo della RSU in azienda sia divenuto secondario, forse per la mania di qualche collega territoriale che assume spesso e volentieri il ruolo di "prima attrice", ma siamo fermamente convinti e coscienti che la normativa che disciplina la Rappresentanza e Rappresentatività chiarisce il funzionamento duttile e istituzionale della RSU, per questo lamentiamo la mancanza di una convocazione che periodicamente informi tutti i lavoratori attraverso le RSU".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine Fiadel si scaglia contro possibili sprechi da parte di Ecocar: "L’officina meccanica, istituita dall’azienda per riparare gli automezzi forniti in dotazione agli operatori ecologici per espletare le operazioni di raccolta sul territorio Comunale di Caserta, viene utilizzata anche per riparare automezzi provenienti da altri cantieri, questo rallenta le operazioni di riparazione per gli automezzi utili per il cantiere di Caserta ma rappresenta anche un metodo che per risparmiare la creazione di altre officine su altri territori, e fin qui nulla di male dal momento che un’impresa ha il diritto di agire in economia come meglio crede, ma risulta davvero incomprensibile il motivo per cui continui a mantenere in forza dipendenti che hanno raggiunto il limite di età e potrebbero essere collocati in pensione. Peraltro, in alcuni casi, i lavoratori interessati rivestono figure apicali, quindi rappresentano un notevole costo per l’azienda che potrebbe essere dimezzato, magari assumendo personale dall’ex Consorzio Unico di Bacino, così come rivendicavano quei sindacalisti che occuparono il Comune di Caserta, di cui oggi si sono perse le tracce. Insomma, da una parte si tagliano gli stipendi ai lavoratori, si utilizzano lavoratori malati nei servizi in spregio ai giudizi di idoneità, si rallenta la riparazione degli automezzi, favorendo altri cantieri, dall’altra invece si preferisce continuare a pagare fior di quattrini per riconoscere retribuzioni a lavoratori teoricamente in pensione. Perchè?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinto un milione di euro nel casertano

  • Zona rossa, nuova ordinanza del sindaco: "Vietato circolare in auto ed a piedi nella zona urbana"

  • Il contagio dilaga nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

  • Caserta piange altre 4 vittime ricoverate col coronavirus. Balzo dei contagi: altri 430 positivi

  • Avvocato multato per aver violato la "zona rossa"

  • De Luca firma un'altra ordinanza dopo il DPCM di Conte: aperti solo nido e asili, Elementari e Medie con la Dad

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento