menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le immagini dell'aggressione dei dipendenti della Senesi

Le immagini dell'aggressione dei dipendenti della Senesi

"Raccolta rifiuti con la scorta". Ecco le immagini dell'aggressione ai dipendenti I FOTO

La Fiadel: "Potremo anche sospendere il lavoro". E manda un messaggio al sindaco

Ventiquattr'ore di tensioni ed un futuro ancora molto nebuloso. C'è questo e tanto altro dietro la crisi dei rifiuti ad Aversa, seconda città della provincia di Caserta, che sta vivendo un delicatissimo momento sotto il fronte della raccolta.

L'aggressione di lunedì mattina ai dipendenti della Senesi in piazza Giovanni Paolo XXIII ed il raid serale in via San Lorenzo, coi bidoni dell'immondizia gettati in strada, hanno acuito ancor di più un momento già delicato nei rapporti tra l'amministrazione comunale guidata da Alfonso Golia e la ditta Senesi, che dovrebbe gestire il servizio fino a metà ottobre prima dell'ingresso della Tekra, che si è aggiudicata il nuovo appalto. In mezzo a questa 'guerra' sono finiti i dipendenti, che attendono ancora un parte dei pagamenti degli stipendi di luglio ed agosto e che si sono visti bloccare la cessione dei quinti dall'azienda.

"I lavoratori - afferma Giovanni Guarino, segretario della Fiadel - hanno dichiarato la loro disponibilità all’azienda, esplicita richiesta avanzata anche dal sindaco, al fine di riportare la situazione alla normalità. Ciò nonostante, le criticità restano e resteranno poiché i noti problemi dell’azienda, connessi ad un parco automezzi inadeguato e insufficiente, non consentono di svolgere a pieno il servizio su tutto il territorio. A tal proposito nutriamo seri dubbi sull’attuale comportamento tenuto dal Comune, tenuto conto delle reiterate pressioni esercitate dallo stesso nei confronti dell’azienda, affinché la raccolta dei rifiuti possa tornare quanto prima alla normalità. Se proprio si vuole riportare nella norma le condizioni igienico-sanitarie del Comune di Aversa, allora perché il sindaco o l’assessore (Mena Ciarmiello, assente alla riunione, ndr) non predispongono un’esecuzione in danno?".

La nota del sindacato si conclude, poi, con una riflessione: "I lavoratori stanno valutando anche la possibilità di chiedere l’intervento delle forze dell’ordine per scortare gli operatori ecologici. Siamo disposti anche a “sospendere il servizio” qualora le condizioni lo richiedessero".

Il sindaco Golia, da parte sua, in una dichiarazione all'Ansa, ha sottolineato: "La città di Aversa non ha problemi di conferimento dei rifiuti presso le piattaforme, ma solo di raccolta. Aversa e i suoi cittadini si trovano a subire le ripercussioni della contrapposizione tra i lavoratori e l'azienda, con gli addetti che lamentano di non avere i mezzi per operare, che molti camion per la raccolta sono rotti e non vengono aggiustati. La città è dunque ostaggio di questa guerra".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento