Rifiuti abbandonati in strada, il sindaco: "Prenderei a schiaffi questi incivili"

Un albanese rintracciato fuori al bar, multa anche per una donna. Velardi furioso contro chi non rispetta l'ambiente

I rifiuti abbandonati a Marcianise

Ancora sversamenti illeciti ed ancora multe per i responsabili, puntualmente rintracciati dalla polizia municipale di Marcianise. E' quanto ha fatto sapere il sindaco Antonello Velardi che alla luce dei diversi episodi che si sono verificati negli ultimi mesi ha ammesso: "Li prenderei a schiaffi".

Il primo ad essere pizzicato è un cittadino albanese che avrebbe lasciato tre bustoni neri all'interno dell'area del ring verde, alla periferia di Marcianise, dove i volontari stanno provvedendo a riempire il laghetto che si stava prosciugando. Incrociando le immagini delle telecamere con alcuni indizi trovati nella spazzatura i caschi bianchi sono riusciti ad individuare il responsabile. Si tratta di un cittadino albanese con permesso di soggiorno ma senza fissa dimora. I vigili urbani lo hanno individuato all'esterno di un bar che frequenta abitualmente. 

Multa anche per una donna che avrebbe buttato dal finestrino della sua auto una busta di immondizia sul cavalcavia del Cantone, la prosecuzione di viale Europa prima del bivio verso il vialone. "Non è la prima volta che accade, abbiamo trovato spesso in questi giorni buste di immondizia sul margine di quel tratto di strada", dice Velardi. Stavolta, però, la sporcacciona ha lasciato tracce ed è stata convocata al comando della polizia municipale e sanzionata. 

"Mi imbestialisco perché questi atteggiamenti sono il simbolo della strafottenza pura, del menefreghismo, del mancato rispetto dell'ambiente e dell'impegno degli altri cittadini - commenta Velardi - Mi è di conforto solo la soddisfazione di aver individuato questi imbecilli. Anche stavolta, come accade sempre più spesso. Sono fortunato ad avere ufficiali, sottufficiali ed agenti della polizia municipale motivatissimi, strenuti difensori dell'ambiente e delle regole, orgogliosamente marcianisani. Sarà pure una magra consolazione, e lo è, ma questi fenomeni sono in netta diminuzione a Marcianise a differenza di quanto accade nelle aree circostanti. Effetto di controlli sempre più stringenti ma anche di una consapevolezza sempre più marcata da parte di tutti noi. Ora si tratta di isolare ancor di più questi imbecilli e stroncarli definitivamente. Ci riusciremo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento