rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Attualità Castel Volturno

Deve pagare 20mila euro per la villa abusiva dei vicini, anziana vince la battaglia al Tar

Dopo le denunce e le ordinanze del Comune di Castel Volturno arriva la svolta per la 78enne di Cesa

Villa abusiva realizzata sul terreno di sua proprietà, il comune la acquisisce al patrimonio e le addebita le spese di demolizione.

E' la vicenda che vede protagonista A.T., 78nne di Cesa, che nel lontano 1979 acquistò due terreni a Castel Volturno in località Bagnara. Uno di questi terreni era confinante con quello di una coppia del posto. Per un mero errore di trascrizione dell'atto notarile la 78enne prende possesso dell'appezzamento di terreno dei vicini e questi di un immobile realizzato sul terreno della 78enne. Resasi conto dell'errore lo comunica alle autorità competenti per la rettifica. Nelle more della procedura di rettifica dell'effettiva proprietà di immobili e terreni, A.T. si accorge che i vicini hanno realizzato sul suo terreno delle opere abusive. Una villa, per l'esattezza. La 78enne così denuncia i vicini per gli abusi agli agenti della polizia municipale castellana. Interviene un sequestro nonchè un ordine di demolizione dell'opera abusiva a carico della coppia di trasgressori. Benchè sia riconosciuta la responsabilità di altri rispetto alla 78enne in merito alla villa abusiva, il comune di Castel Volturno acquisisce al patrimonio comunale la villetta giacchè non era stato ottemperato l'ordine di demolizione.

Alla 78enne viene irrogata una sanzione pecuniaria di 20.000 per la mancata demolizione perchè una parete del manufatto abusivo ricadeva nell'appezzamento di terreno di sua proprietà. A.T. ha presentato ricorso al Tar della Campania rappresentata dal suo legale, l'avvocato Mario Caliendo  che ha evidenziato la mancanza dell'atto propedeutico all'espletamento delle procedure di acquisizione gratuite e dell'ordine di demolizione. Tali atti non potevano essere inoltrati alla 78enne a parere del legale giacchè l'abuso contestato e la proprietà del terreno era di altri. L'Ottava Sezione del Tribunale Amministrativo Regionale ha accolto il ricorso della 78enne contro il comune di Castel Volturno rappresentato dall'avvocato Roberto Fabozzi sospendendo l'efficacia di ogni provvedimento emesso dal comune castellano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Deve pagare 20mila euro per la villa abusiva dei vicini, anziana vince la battaglia al Tar

CasertaNews è in caricamento