rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Attualità Lusciano

Revisore revocato fa la guerra al Comune e chiede un maxi risarcimento

Ha richiesto 62mila euro e l'annullamento della delibera di consiglio che ha portato alla sua revoca. I consiglieri di opposizione furiosi con la maggioranza

A Lusciano si sono accesi i riflettori su una controversia che coinvolge l'amministrazione comunale e solleva dubbi sulla gestione finanziaria del territorio. Al centro del dibattito, la revoca dell'incarico del dottor Allocca, nominato dalla prefettura come membro del collegio dei revisori dei conti nel 2023.

Secondo Marco Valentino, consigliere comunale di opposizione, questa mossa della maggioranza rappresenta un segnale preoccupante della mancanza di attenzione nei confronti della comunità locale. "L'attuale maggioranza di Lusciano non solo non pensa al paese ma fa anche debiti", ha dichiarato Valentino.

La situazione si è ulteriormente complicata quando il dottor Allocca ha deciso di presentare ricorso al Tar Campania, difeso dallo studio legale Abbamonte di Napoli. Inoltre, ha richiesto un risarcimento di circa 62mila euro e l'annullamento della delibera di consiglio che ha portato alla sua revoca.

"Oggi la maggioranza impegna altri 5mila euro per difendersi dalla loro incapacità amministrativa", ha aggiunto Valentino, evidenziando il peso economico che questa controversia sta comportando per le casse comunali. "Forse la revoca del dottor Allocca è dovuta al fatto che lo stesso non era in linea con ciò che la maggioranza chiedeva cioè il dissesto? A difendere il nostro Ente noi Consiglieri di minoranza, già in consiglio comunale, abbiamo fortemente discusso sulla necessità di non procedere a tale revoca, invitando la stessa maggioranza a rivalutare la decisione in virtù di un anticipato ricorso che avrebbe fatto il revocato revisore. Ma la maggioranza ha fatto orecchie da mercante, come sempre d’altronde".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Revisore revocato fa la guerra al Comune e chiede un maxi risarcimento

CasertaNews è in caricamento