menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Brancaccio

Francesco Brancaccio

Brancaccio scrive al sindaco di Milano: "Revochi l'Ambrogino d'oro a Vittorio Feltri"

Il dirigente casertano del Partito socialista invia una lettera a Beppe Sala

Il dirigente nazionale del Partito Socialista Italiano Francesco Brancaccio scrive al sindaco di Milano Beppe Sala per chiedere la revoca della cittadinanza onoraria del capoluogo lombardo a Vittorio Feltri dopo le accuse nei confronti dei meridionali di essere “inferiori” ai settentrionali. “Milano oltre ad essere sempre stata la capitale Economica Italiana è la città più Europea del nostro amato Paese, una città aperta, accogliente, ricca di cultura e storia - scrive l’esponente casertano del Psi - Milano è anche la città che ha dato i natali a grandi uomini e grandi donne che hanno contribuito fortemente alla crescita socio-culturale della nostra amata Nazione, cito alcuni Alessandro Manzoni, Pietro Verri, Cesare Beccaria, Carlo Porta e tanti altri e tanti altri. Egregio Sindaco, l'oggetto della mia missiva è la richiesta di revoca della civica benemerenza Ambrogino d'oro (ai sensi dell’Art. 9 del regolamento delle civiche benemerenze del Comune di Milano)  conferita nell’anno 2006 al Dottor Vittorio Feltri. La mia richiesta nasce dalle continue affermazioni colorite e xenofobe del Dottor Vittorio Feltri sia a mezzo stampa che per via mediatiche. Tali affermazioni hanno creato, ed hanno fomentato, solamente un clima di odio e divisione pertanto ritengo che la figura del Dottor Feltri non puo’ e non dovrebbe essere associata ad altri personaggi che hanno goduto di tale civica benemerenza. Associare il nome del partigiano Ettore Trolio, beneficiario di tale titolo nel 1947 che ha dato tutta la sua vita per un paese unito e libero, a quella di Vittorio Feltri è veramente imbarazzante sotto ogni forma e sotto ogni profilo. Scorrendo l’albo dell’Ambrogino d'oro troviamo grandi nomi come Liliana Segre, Mario Monti, Stella Vecchio, Carlo Petrini, Don Carlo Gnocchi, Samantha Cristoforetti, Fabiola Gianotti, Raul Montanari, Cardinale Tettamanzi, Stefano Borgonovo Fabrizio De Andrè Mina, Roberto Bolle: insomma donne e uomini che hanno fatto grande la città di Milano ma soprattutto il nostro amato Paese. Carissimo Sindaco è per tutti questi motivi e per il rispetto delle storie di questi grandi personaggi che mi appello vostro buonsenso chiedendo la revoca dell’Ambrogino d’oro anno 2006 a Vittorio Feltri”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento