Venerdì, 12 Luglio 2024
Attualità Castel Volturno

Un esercito di 13mila migranti invisibili al lavoro nei campi del casertano

Il vescovo propone a Castel Volturno "un dipartimento universitario di studi sulla mobilità umana, sugli 'sfollati ambientali', persone che emigrano a causa della siccità, della carenza idrica, i cosiddetti migranti climatici"

Un esercito di 13mila migranti al lavoro nei campi del casertano ‘invisibili’. E’ quanto emerge da un report su lavoratrici e lavoratori immigrati nell'agroalimentare italiano presentato al Centro di aggregazione e legalità di Castel Volturno, la ricerca "Made in Immigritaly. Terre, colture, culture”.

"I lavoratori immigrati impiegati in agricoltura nella provincia di Caserta - ha ricordato Maria Perrillo, segretaria generale Fai Cisl Caserta - sono 18mila, dei quali il 43% sono donne. Secondo alcune stime, solo 5mila di queste persone sono regolari, ed è su questo che bisogna ancora lavorare molto. Noi facciamo la nostra parte, attraverso la prossimità, raggiungendo i lavoratori nei campi e nelle aziende, attivando la bilateralità per contrastare lavoro sommerso e sfruttamento". 

Alla presentazione, come riporta l’Ansa, è intervenuto anche il Vescovo di Caserta e Arcivescovo di Capua, Pietro Lagnese che ha proposto "la nascita a Castel Volturno, di un dipartimento universitario di studi sulla mobilità umana, sugli 'sfollati ambientali', persone che emigrano a causa della siccità, della carenza idrica, i cosiddetti 'migranti climatici'". 

I lavori sono stati conclusi dal segretario generale Fai Cisl nazionale, Onofrio Rota. "Sappiamo che sono almeno diecimila i lavoratori agricoli migranti che vivono in 150 ghetti presenti in 38 comuni e collocati in 11 regioni d'Italia, tra cui la Campania. Le politiche abitative sono uno dei motivi di grande fragilità di queste persone, a questa Regione sono stati destinati oltre 3 milioni nel Pnrr per gli alloggi a lavoratori migranti e i tre Comuni più interessati sono Castel Volturno, San Felice a Cancello e Eboli. Ecco queste risorse vanno utilizzate al meglio, ed è compito anche del sindacato monitorare impegni e azioni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un esercito di 13mila migranti invisibili al lavoro nei campi del casertano
CasertaNews è in caricamento