Reparto di Psichiatria ancora chiuso, il giallo sui lavori. Zinzi: "Servizio indispensabile"

Il consigliere regionale presenta l'ennesima interrogazione al presidente De Luca

Il consigliere regionale Gianpiero Zinzi

Il consigliere regionale Gianpiero Zinzi ha protocollato un'interrogazione indirizzata al presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca avente ad oggetto la reiterata chiusura del servizio Psichiatrico di diagnosi e cura di Caserta allocato presso l'ospedale 'Sant'Anna e San Sebastiano'.

L’interrogazione, la terza sull’argomento, muove dall’avvertita necessità di avere risposte in merito ad un disagio cominciato nel 2017 quando, con un preavviso di sole 24 ore, il reparto di Psichiatria dell’azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano (che ospitava il S.P.D.C. di Caserta) è stato chiuso e i pazienti in regime di Tso sono stati trasferiti presso la struttura ospedaliera di Sessa Aurunca.

I motivi che hanno spinto alla chiusura sembravano essere dovuti alla ristrutturazione dei locali che ospitano il servizio. A distanza di oltre due anni, però, i lavori non sono neanche iniziati e i locali risultano ancora chiusi come il giorno dell’improvvisa evacuazione, con dentro computer e cartelle cliniche abbandonate. “Si tratta – ha dichiarato Zinzi – di un servizio delicato e indispensabile. Questo trasferimento crea notevoli disagi ai pazienti ed alle loro famiglie costrette a percorrere diversi chilometri per le visite ambulatoriali. Hanno il diritto di avere delle risposte e una soluzione concreta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento