Reparti accorpati in 4 ospedali per inviare personale alle strutture Covid

Ecco le nuove disposizioni della Regione per Aversa, Marcianise, Sessa Aurunca e Piedimonte

Reparti da accorpare per liberare personale da inviare nelle strutture Covid. E’ la disposizione giunta dalla Regione Campania che, per far fronte alla pandemia da coronavirus ed alla necessità di aver a disposizione medici ed infermieri per monitorare i ricoverati nelle strutture Covid della provincia di Caserta (che vanno sempre aumentando) ha disposto gli accorpamenti di altri reparti, dopo aver disposto anche il blocco dei ricoveri.

Per quel che concerne l’ospedale di Marcianise, è stato disposto l’accorpamento dei reparti di Cardiologia e Medicina; per la struttura di Piedimonte Matese è stata disposta la riduzione a 10 posti letto totali dei reparti (accorpati) di Cardiologia e Medicina; per il presidio ospedaliero San Giuseppe Moscati di Aversa è stato deciso l’accorpamento del reparto di Gastroenterologia con quello di Medicina ed eventualmente l’accorpamento del reparto di Cardiologia mantenendo attive l’Utic e l’emodinamica; per l’ospedale San Rocco di Sessa Aurunca è stata invece disposta l’ulteriore riduzione dei posti letto nei reparti accorpati di Chirurgia-Ortopedia e Medicina-Cardiologia.

Il personale così “liberato” sarà inviato negli ospedali di Maddaloni e Santa Maria Capua Vetere che, intanto, sono stati convertiti completamente per ospitare i pazienti contagiati da Covid-19 che hanno bisogno di essere monitorati costantemente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento