Regionali 2020. Prima uscita per Italia Viva: "Saremo la sorpresa di queste elezioni" | FOTO

Caputo con Rosato ed i coordinatori provinciali Altieri e De Rosa presenta la squadra dei candidati

La squadra di Italia Viva

Prima uscita elettorale in Campania ma le aspettative sono già molto alte. Si è tenuta quest'oggi, presso il locale 'Le tre Farine' a Caserta, la presentazione degli otto candidati di Italia Viva alle prossime elezioni regionali, per la circoscrizione di Caserta. L'entusiasmo é tanto e la voglia di apportare un contributo essenziale per il territorio della provincia di Caserta è il comun denominatore dei candidati. 

Ad aprire le danze sono stati i coordinatori provinciali di Italia Viva, Giuseppe Altieri e Carmen De Rosa, i quali hanno tracciato gli obiettivi del partito in Terra di Lavoro e si sono detti, fin dalle prime battute, fiduciosi del risultato che Italia Viva otterrà alla sua prima uscita elettorale in Campania. "È il primo passo verso un  percorso proficuo e speriamo pieno di soddisfazioni - ha dichiarato Giuseppe Altieri - Abbiamo costruito una squadra di eccellenze che tende ad un risultato ben preciso: essere presente in consiglio regionale. Nella nostra lista non ci sono portatori d'acqua, ma ognuno concorre con le proprie forze per essere eletto". "È il momento di contarci, di dire chi siamo e di raccontare la storia degli uomini e delle donne di Italia Viva - ha sottolineato Carmen De Rosa - Usciamo da un bruttissimo periodo di lockdown dovuto all'emergenza coronavirus e ci aspettano periodi non facili da superare. Noi ce la metteremo tutta. Siamo convinti, come dice il nostro leader Matteo Renzi, che dopo il periodo buio ci può essere un rinascimento". 

È stato poi il turno dell'ex europarlamentare Nicola Caputo, che ha lavorato fin dal primo momento alla formazione della lista dei candidati in provincia di Caserta. "Vogliamo dare un segnale diverso alla politica di questa provincia - ha dichiarato Caputo - Saremo indubbiamente la sorpresa di queste elezioni regionali, per la qualità delle persone che siamo riusciti a coinvolgere". Poi sulla sua mancata candidatura: "Abbiamo dimostrato che la politica si fa anche facendo un passo di lato e non per forza in avanti. Vogliamo spazzare via le vecchie logiche tipiche di una politica come quella fatta dal partito da cui ne sono fieramente uscito (il Partito democratico, ndr) e che sa solo pugnalarti alle spalle". 

A parlare alla platea dei presenti sono stati poi gli otto candidati di Italia Viva, per la circoscrizione di Caserta. A fare gli onori di casa, il consigliere comunale di Caserta Pasquale Antonucci che ha affermato: "È la mia prima esperienza di partito. Ho sempre vissuto nelle civiche. La mia candidatura è frutto degli anni di esperienza politica maturati sul territorio. Grazie alle diverse deleghe datemi dal sindaco Marino ho contezza delle problematiche che attanagliano la provincia di Caserta e di quello che c'è bisogno". 

Poi è toccato alla preside Bernarda De Girolamo. "È arrivato il momento di mettere le persone al centro - ha affermato - Questo è solo l'inizio di un cammino che ci vuole portare a lavorare in maniera diversa. Vogliamo dare voce ai più deboli. Sono stati i miei ragazzi a spingermi alla candidatura. Vogliamo guidare i nostri giovani per creare opportunità di sviluppo nei nostri territori". Le ha fatto eco l'ex sindaco di Marcianise, Filippo Fecondo. "La nostra è una provincia complessa. Tutti i temi che abbiamo tracciato sono un canovaccio che bisogna completare attraverso la campagna di ascolto che faremo con cittadini ed associazioni di categoria - ha affermato Fecondo che poi ha chiarito quella che sarà una delle sue priorità per il rilancio del territorio - Una delle questioni che bisogna rimettere al centro dell'agenda politica è sicuramente quella della mobilità".

È stata poi la volta di Luigia Martino: "L'obiettivo è quello di costruire un grande partito al di là del risultato personale - ha sottolineato - Si percepisce grande delusione nella politica ma anche speranza, soprattutto da parte dei giovani. La politica sana, quella fatta dalla parte delle persone sarà quella che ci permetterà di intraprendere il cambiamento. Bisogna ascoltare le istanze che arrivano dalle comunità, dobbiamo affascinare i nostri ragazzi con progetti ed iniziative per avvicinarli alla politica ed alle istituzioni, dobbiamo valorizzare le nostre eccellenze perché la Campania è una terra straordinaria della quale bisogna tornare ad essere presto orgogliosi. Fondamentale dunque sarà parlare al cuore della gente. Sono convinta che Italia Viva avrà un successo straordinario in Campania".

Forte e chiaro è stato il messaggio lanciato da Vincenzo Santangelo, imprenditore di Maddaloni del settore metalmeccanico, già candidato alle scorse elezioni regionali, che ha dichiarato: "Dobbiamo affrontare tantissime battaglie per la provincia di Caserta e con l'esperienza di Nicola Caputo sicuramente ci riusciremo alla grande". La novità è rappresentata da Pietro Smarrazzo, definito da Nicola Caputo "il jolly della lista". L'ex esponente di Forza Italia ha voluto subito chiarire il suo passaggio in Italia Viva: "Non potevamo continuare ad esercitare la politica dove stavamo. Non siamo disposti a stare al fianco dei sovranisti. Italia ha bisogno di una forte area moderata. Abbiamo l'obbligo morale di scendere in campo per dare un futuro migliore ai nostri figli". Ad intervenire è stato poi Adriano Telese, medico di Santa Maria a Vico che ha affermato: "Siamo una squadra eterogenea e rappresentativa di ogni settore della sfera sociale e professionale. A prescindere da chi vincerà sarà sempre la squadra a trionfare. Il mio contributo qualora dovessi essere eletto sarà sicuramente alla settore della sanità per il quale ci sono molte cosa da migliorare". A chiosare tra i candidati è stata Raffaella Zagaria, già vice presidente della Provincia di Caserta, anche lei come Caputo ex esponente del Pd. Ed è proprio al suo ex partito che ha voluto mandare una frecciatina: "Il bello di Italia Viva è quello della squadra, dei contenuti, del contatto col territorio e con la gente - ha dichiarato con determinazione, mostrandosi poi molto ottimista riguardo le regionali di settembre - Sono convinta che faremo un grande risultato in termini elettorali". 

Nel corso della conferenza stampa non è mancato il passaggio sui tre esclusi dalla lista, ovvero i consiglieri comunali di Aversa Mariano Scuotri e Imma Dello Iacono, e Simona Fracasso per i quali l'ex europarlamentare Caputo ha voluto spendere delle parole di vicinanza: "Sono tutti e tre candidati con me al nono posto nella lista. Sono tre giovani su cui il partito ha intenzione di puntare, tre persone che coinvolgeremo nel coordinamento provinciale della campagna elettorale. Da loro dobbiamo costruire le fondamenta del partito". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La chiusura dell'incontro è stata affidata al deputato Ettore Rosato, coordinatore nazionale di Italia Viva, che ha voluto mettere fin da subito in chiaro la posizione del partito a livello regionale: "Siamo accanto a Vincenzo De Luca a cui riconosciamo di aver messo in campo energie straordinarie prima e dopo il periodo di lockdown. Ha lavorato bene nei 5 anni precedenti. Certo non tutto è stato perfetto, ma molte cose sono state fatte. Questa regione ha investito di più, ha corso di più rispetto alle altre. Non abbiamo fatto accordi con nessun partito politico ma solo con Vincenzo De Luca, sulla base di diverse sinergie". Poi la frecciatina a Lega e M5s: "Abbiamo bisogno di costruire un'area della politica che pensa alle soluzioni e non agli slogan. Non bisogna governare guardando i sondaggi. La politica è altra cosa". Infine il coordinatore nazionale del partito renziano ha tracciato le priorità per il territorio della provincia di Caserta: "Bisogna dare una risposta a chi si aspetta un posto di lavoro. È necessario raccogliere tutte le istanze dei cittadini e mettere in grado le istituzioni di dare una risposta. Lo facciamo con una lista di professionisti, persone di grande vissuto, che vogliono dare alla politica e che non hanno nulla da chiedere. Questa comunità ha bisogno di uno scossone. Ci sono potenzialità enormi, la crisi si risolve ripartendo dal Sud dove è più facile e veloce ripartire. Terra di Lavoro è sempre stata una provincia industriale, agricola e soprattutto produttiva. Sono fiducioso che a Caserta faremo un risultato eccezionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

  • SPECIALE ELEZIONI Graziano non sfonda a Caserta nonostante i big. Zinzi è il più votato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento