menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Caserta Carlo Marino

Il sindaco di Caserta Carlo Marino

Puc fermo al palo, Futura Caserta in pressing sul sindaco

Il coordinamento richiama l'amministrazione al senso di responsabilità e chiede di fermare l'inerzia dopo 13 anni dall'avvio dell'iter

Il coordinamento di Futura per la città di Caserta, di cui è animatore Giuseppe Tescione, prende posizione sulla ormai annosa vicenda del Piano urbanistico comunale e ne chiede il rapido concludersi dell’iter.

Futura ha ripercorso l'intera vicenda dal percorso autorizzativo avviato nel 2007 fino al 2017 quando la giunta Marino ha approvato il preliminare ed il presupposto rapporto di valutazione ambientale strategica. "L’auspicio era quello di poter conferire a questa comunità una vocazione di cui la città è priva da tempo - fanno sapere da Futura in una nota - Dopo la "stagione militare" Caserta si è trovata orfana di una vocazione che potesse caratterizzarla. Una città senza anima che aveva colto in quello strumento un’opportunità, seppur imposta dal legislatore ma pur sempre un’opportunità che potesse segnare un rilancio per l’intera conurbazione. Vane speranze le nostre, perché dopo il preliminare c’è il nulla".

Il termine perentorio (per altro reiteratamente prorogato) del 31 dicembre 2019 statuito della regione Campania per l’approvazione del Puc non è stato rispettato: "a Caserta i circa 13 anni dall’affidamento dell’incarico non sono stati sufficienti - commentano amaramente dal Movimento - ora l’attività edilizia in tutto il territorio comunale (ad eccezione delle aree interessate da piani attuativi) è inibita (a meno di interventi meramente conservativi), come previsto dall’articolo 40 della legge regionale n.16 del 2004. Oggi, a distanza di poco più due mesi dalla scadenza dell’ennesima proroga, si respira aria di rassegnazione rispetto all’inesorabile nomina del commissario ad acta. Chiunque dotato un minimo di buon senso non può non interrogarsi sul perché di tale inerzia. Delle due l’una, o dietro questa indolenza vi sono interessi che travalicano quello collettivo oppure, e non pare più confortevole come ipotesi, l’inerzia è dettata dal disinteresse rispetto ad una assunzione di responsabilità. Quasi come se l’insediamento del commissario ad acta potesse esercitare una missione salvifica e sollevare la politica dalle responsabilità delle proprie scelte".

Questo, ad avviso di Futura, "si traduce in un fallimento, per tutti. Il Puc non è solo lo strumento di programmazione urbanistica deputato a regolamentare la gestione delle attività di trasformazione urbana e territoriale del Capoluogo. Il Puc è di più. È lo strumento che, ridisegnando in modo organico la città, le può affidare una vocazione per i prossimi 30 anni. Un disegno ambizioso quello del legislatore, che non può essere affidato all’intervento di un commissario. La politica è chiamata ad assumere decisioni, ad operare scelte, anche impopolari".

Futura ritiene improcrastinabile questa scelta. "Nella consapevolezza di come Caserta, allo stato, sia priva di un’anima appare indispensabile adottare quello strumento che definisca gli interventi, le necessità di una comunità, che tenga conto del consumo del suolo, in grado di promuovere criteri di vivibilità che troppo spesso la politica di questa città ha posto in secondo piano. Perché l’interesse collettivo prevalga occorre uno scatto in avanti, occorre gettare il cuore oltre l’ostacolo, noi siamo convinti che si possa e si debba fare. Una scelta diversa si tradurrebbe in un fallimento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento