rotate-mobile
Attualità Santa Maria Capua Vetere

"Caro Teatro ti scrivo…": le parole del pubblico addobbano l’albero del "Garibaldi" 

L'iniziativa per coinvolgere i frequentatori degli spettacoli

Quest’anno l’amministrazione comunale di Santa Maria Capua Vetere ha chiesto al pubblico del Teatro Garibaldi di scrivere un pensiero, una riflessione, per farne l’addobbo dell’albero di Natale che per tradizione, ogni anno, prende la scena nel cuore del foyer. Un modo per tenere vivo il legame con gli spettatori. 

Suggerimenti, auguri, proposte, dopo due anni difficili, per rinsaldare il rapporto tra pubblico e teatro. Le tante testimonianze ricevute, nella prima giornata dell’iniziativa hanno creato un'atmosfera particolare. Gli incontri, la magia, le emozioni, le risate, gli applausi, il senso di comunità, sono state trascritte sulle cartoline fustellate a forma del Teatro Garibaldi che formano la speciale decorazione dell’albero.

"Ogni parola che abbiamo ricevuto - ha detto il consulente teatrale Gerardo Di Vilio - rinsalda il rapporto con il pubblico. Abbiamo pensato all’iniziativa per questo motivo, per restituire al teatro un segnale di presenza ideale e come testimoni abbiamo avuto il piacere di avere Antonio Milo, Adriano Falivene e Elisabetta Mirra. Con l’iniziativa abbiamo voluto un po’ invertire i ruoli lasciando che fosse il pubblico a raccontare, a dire ciò che il teatro rappresenta per il suo immaginario e quanto sia sentita la sua presenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Caro Teatro ti scrivo…": le parole del pubblico addobbano l’albero del "Garibaldi" 

CasertaNews è in caricamento