Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità Carinaro

Crisi Whirlpool, presidio davanti l'azienda dei lavoratori casertani | FOTO

La protesta per la cessione del sito di Napoli della multinazionale

Anche gli operai dello stabilimento Whirlpool della zona industriale di Carinaro, Gricignano e Teverola, stamattina hanno protestato contro la vendita del sito di Napoli annunciato nei giorni scorsi dalla multinazionale americana. 

Stamattina gli operai, con le sigle sindacali, hanno ‘presidiato’ l’area in segno di protesta. Oggi tutti i circa 5mila e 500 lavoratori degli 8 siti italiani incroceranno le braccia per ribadire il proprio no alla cessione del ramo d'azienda a Prs, la Passive Refrigeration Solutions di Lugano, e chiedere il rispetto dell'accordo 2018 che prevedeva, al contrario, un rilancio dello stabilimento di lavatrici di via Argine e la tutela occupazionale dei 430 lavoratori.

Una mobilitazione che culminerà il 4 ottobre prossimo con una manifestazione a Roma. Nel frattempo anche il governo non sembra affatto intenzionato a rimanere alla finestra. Dopo lo stop al tavolo di confronto deciso dal ministro dello Sviluppo Stefano Patuanelli ("è inutile sedersi con chi ha già deciso" aveva detto venerdì scorso) la trattativa potrebbe approdare in tempi brevi in Cdm. E tra le ipotesi a cui si starebbe lavorando per sbloccare la situazione anche quella di una 'convocazione' da parte del premier Giuseppe Conte della multinazionale americana per sollecitarla a quel passo indietro già chiesto dai sindacati e dal Mise per riaprire il tavolo di confronto su altre basi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Whirlpool, presidio davanti l'azienda dei lavoratori casertani | FOTO

CasertaNews è in caricamento