Protesta nigeriani a Castel Volturno: "End police brutality"

La comunità ha atteso Victor Osimhen all'esterno del centro sportivo del Napoli

La manifestazione fuori al centro sportivo del Napoli

"End Police Brutality in Nigeria". Così, su una maglia mostrata dopo il gol con l'Atalanta, Victor Osimhen ha ricordato le torture e gli abusi commessi dalla Sars, la squadra speciale antirapine della Nigeria, appena sciolta perché accusata di gravi reati e per cui le vittime attendono giustizia. 

Il centravanti azzurro è diventato con il suo gesto un simbolo, un leader per una comunità, quella nigeriana che da anni vive a Castel Volturno, e che sostiene i propri concittadini anche a distanza. Oggi, proprio all'esterno del centro sportivo del Napoli, al Villaggio Coppola, la comunità nigeriana ha inscenato una manifestazione di protesta contro la violenza della polizia nigeriana. I manifestanti hanno atteso l'arrivo di Osimhen che è giunto in taxi, come riferiscono i colleghi di Sportitalia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Oltre 900 nuovi casi e 3 vittime del Covid. Aumenta percentuale positivi

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Morti altri 8 pazienti ricoverati col Covid: 589 nuovi positivi nel casertano

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento