rotate-mobile
Sabato, 26 Novembre 2022
Attualità Santa Maria Capua Vetere

Dalla violenza al reinserimento nel mondo del lavoro, parte il progetto per le donne vittime di abusi

Il progetto SPACE dell’ambito territoriale C8 presentato a Santa Maria Capua Vetere

Sostenere Percorsi di  Autonomia ed opportunità di CollocazionE lavorativa: SPACE. Il progetto S. P. A. C. E é stato presentato martedì presso la casa comunale di Santa Maria Capua Vetere e si inserisce nell'ambito dell'avviso pubblico regionale S. V. O. L. T. E - Superare la Violenza con Orientamento, Lavoro, Tirocini, Esperienze formative, nell'ambito territoriale C8 di cui il Comune di Santa Maria Capua Vetere è capofila in partenariato con la cooperativa sociale 'Città Irene' e la Formwork s. r. l. 

Il progetto ha la finalità di implementare un sistema integrato di servizi di ascolto ed orientamento per le donne vittime di violenza e di tratta al fine di sostenere la loro autonomia attraverso l'inserimento sociale e lavorativo. “Quando si parla di inserimento e reinserimento di una donna vittima di violenza nell'ambito di un sistema lavorativo complesso e particolare come nel nostro territorio - sottolinea il sindaco Antonio Mirra - si parla di un qualcosa più ampio della semplice presenza delle istituzioni perché a quella donna vanno forniti gli strumenti indispensabili per la sua autonomia. Spesso lo stato di dipendenza economica di una donna già vittima di violenza é fattore ostativo alla denuncia. Una donna che ha il coraggio della denuncia deve essere data l'opportunità di riscattarsi, di affermarsi autonomamente e ciò che fornisce il progetto Space ritengo sia di altissimo valore sociale”. 

L'indipendenza, il riscatto da momenti di soggiogazione e violenza, la ricostruzione del proprio posto nel mondo sociale sono fattori ben evidenziati dall'assessore alle politiche sociali Rosida Baia. “Le politiche sociali hanno come obiettivo quello di aiutare il singolo che versa in uno stato di bisogno al superamento del disagio restituendogli dignità ed autonomia.Questo obiettivo lo si persegue grazie ai circa 40 servizi attivi sul territorio di Santa Maria Capua Vetere. Nel contesto del progetto SPACE si inserisce il ripristino dell'autonomia lavorativa e perciò economica di una donna a cui viene data la possibilità di ricostruire il proprio posto nel mondo partendo dalla sua indipendenza perché la sua felicità o dimensione di donna non sia più dipendente dalla volontà di nessun uomo”. 

Il progetto é suddiviso in due azioni. L'azione A concerne l'attivazione di servizi di ascolto ed orientamento all'inclusione socio-lavorativa, di cui spiega l'articolazione Savino Compagnone, responsabile della cooperativa 'Città di Irene’: “Lo sportello verrà attivato presso la sede della cooperativa posta all' interno del Consultorio familiare in via Galatina a Santa Maria Capua Vetere con apertura bisettimanale con la presenza della psicologa Emanuela De Crescenzo e l'assistente sociale Maria Guarino che sono figure indispensabili per il supporto psico-sociale e la definizione di programmi personalizzati di inclusione sociale e lavorativa. Il nostro operato è trasversale all'altro partner del progetto, ovvero Formwork s. r. l, poiché alcune delle ragazze che vengono accompagnate nel loro percorso di rinascita potranno usufruire non solo di un orientamento al lavoro ma anche di un inserimento lavorativo presso le aziende del territorio attraverso una manifestazione di interesse”. 

Il percorso riabilitativo sotto il profilo sociale-lavorativo é affidato alla cosiddetta azione B, in cui il progetto SPACE é suddiviso. “Ovvero attraverso l'attivazione di tirocini di inserimento o reinserimento al lavoro - spiega la portavoce di Formwork Lucia Rizzo - con l'accompagnamento di 5 donne vittime di violenza e di tratta verso la completa autonomia grazie all'attivazione di tirocini presso aziende del territorio con una durata di 12 mesi con l'avvio nel mese di ottobre 2019 e concludersi nel mese di settembre 2020. Per le beneficiare é prevista un'indennità di 400 euro erogata mensilmente e questo é un aspetto fondamentale nella delicata fase di ricostruzione della propria affermazione di donna indipendente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla violenza al reinserimento nel mondo del lavoro, parte il progetto per le donne vittime di abusi

CasertaNews è in caricamento