Bandiera blu ed ospedale, 8 consiglieri chiedono il Consiglio

La richiesta protocollata al presidente dell’assise per la convocazione. Schiavone replica: "A breve il consiglio. Lavoriamo per il territorio"

Luca Sciarretta

I consiglieri del centrosinistra chiedono un consiglio straordinario per approvare il grande progetto Bandiera Blu e la variante per l’ospedale nuovo di Sessa Aurunca. Due progetti pronti da tempo è mai approdati in aula. A chiedere con forza l’assise comunale sono i consiglieri Ciro Marcigliano, Lorenzo Fusco, Luca Sciarretta, Luciano Di Meo, Martina Di Meo, Basilio Vernile, Domenico Bevellino e Maria Teresa Sasso.

Questa mattina infatti, è stata protocollata la mozione a firma dei suddetti consiglieri dove si chiede che venga convocato “un consiglio comunale straordinario e urgente con il seguente ordine del giorno: approvazione progetto preliminare ai fini espropriativi, apposizione al vincolo preordinato all’esproprio e adozione variante urbanistica dei lavori di realizzazione del nuovo presidio ospedaliero; apposizione del vincolo preordinato all’esproprio e adozione variante urbanistica dei lavori di realizzazione del grande progetto Bandiera Blu”.

I consiglieri fanno sapere che “le predette proposte deliberative, corredate dai relativi pareri di regolarità, sono già state trasmesse dall’ufficio Settore ufficio tecnico all’ufficio di segreteria O.O.II”. “Due progetti importanti per il territorio che giacciono su qualche scrivania del secondo piano del palazzo della città. Eppure in questo periodo pre elettorale si sprecano slogan per il territorio. C’è addirittura chi è 'innamorato della propria gente' dimenticando che questa gente potrebbe volere un mare pulito e depurato grazie al progetto bandiera blu o un ospedale all’avanguardia a due passi del centro cittadino”.

La replica

“Alle polemiche sterili per fini elettorali rispondiamo con i fatti. Nei prossimi giorni verrà convocato il Consiglio Comunale per l'approvazione del grande progetto Bandiera Blu e della variante dell'ospedale nuovo di Sessa Aurunca”. Così Massimo Schiavone, presidente dell'assise civica sessana e candidato alle elezioni regionali con la lista "Noi Campani". “Si tratta di progetti che stanno a cuore a me per primo e di cui ho seguito l'intero excursus e che a breve verranno portati in Consiglio Comunale”, dice ancora Schiavone.

Poi la replica ai consiglieri: “Il mio impegno per il territorio aurunco è sempre stato concreto sin dall'inizio - dice ancora Schiavone - Lo stesso non può dirsi per questa sorta di ‘armata Brancaleone’ fatta di pezzi di maggioranza ed opposizione che si animano seguendo la logica del proprio tornaconto e di quello elettorale del loro padroncino politico. Spieghino alla città i motivi per cui appena 20 giorni fa non si sono presentati in aula per approvare il piano di riequilibrio finanziario dell'Ente, che noi abbiamo varato con senso di responsabilità ed evitando un possibile dissesto. Sessa Aurunca non è merce di scambio da campagna elettorale. Il futuro del territorio non si vende né si baratta con le poltrone”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

  • Altre 8 vittime del virus nel casertano ma i nuovi positivi sono in calo

Torna su
CasertaNews è in caricamento