rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Attualità Santa Maria Capua Vetere

'Processo telematico': le criticità del sistema informatico analizzate da avvocati e magistrati

Numerose le incertezze sollevate nel corso del dibattito svolto a Palazzo San Carlo

Nella Sala Convegni di Palazzo San Carlo, a Santa Maria Capua Vetere, si è tenuto un importante momento di confronto tra magistrati ed avvocati per affrontare il problema del processo telematico e le opportunità reali di crescita del “sistema giustizia”.

Come è noto a più riprese il Consiglio Superiore della Magistratura, ha evidenziato le criticità operative sull’applicativo informatico previsto per il settore penale. Di queste e di molte altre anomalie del sistema informatico si è discusso tra i presenti in sala, (avvocati - magistrati - personale di cancelleria) e i relatori. I lavori sono stati introdotti da Gabriella Maria Casella, Presidente del Tribunale, Gerardina Cozzolino, Sostituto Procuratore della Repubblica, Angela Del Vecchio, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Vetere, e Alberto Martucci, Presidente della Camera Penale. Numerosi i dubbi lanciati sulla infallibilità del sistema informatico tra cui, tema particolarmente sentito dai Pubblici Ministeri, la segretezza delle indagini, e la sicurezza della assoluta riservatezza dei dati contenuti nel fascicolo d’indagine.

Ancora incertezza, tema fortemente sentito dagli avvocati, sulla effettiva garanzia dei tempi del difensore circa la redazione ed il deposito degli atti, laddove i tempi previsti per il deposito a pena di decadenza non coincidono con un sistema che a volte “va in blocco” e rischia di compromettere le garanzie difensive. Ancora dubbi ed incertezza sui decreti dei giudici che comportano operazioni tecniche sul piano informatico spesso non idonee rispetto alla ipotizzata rapidità del lavoro, perché finiscono per aumentare notevolmente i tempi di redazione dei decreti rispetto al modello cartaceo. A moderare il convegno ed il dibattito a seguire è stato Sergio Enea, Magistrato di riferimento del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

Un compito intenso data l’enorme affluenza in sala degli operatori della giustizia sammaritana che hanno partecipato con vivo interesse intervenendo a più riprese. La prima sessione del convegno ha trattato il tema de “I nuovi strumenti del Processo Penale Telematico” con l’intervento di Aldo Resta, Coordinatore dell’Area Penale del DGSIA, che ha richiamato l’attenzione sul fatto che è da anni che in magistratura ed avvocatura si auspicava tale innovazione che si è andata man mano realizzando prima con l’avvento della “firma digitale” passando per il “lavoro da remoto”(molto intensificato in periodo Covid) fino ad arrivare ad un applicativo nel sistema penale che “non nasce perfetto, ma che cresce settimana per settimana in relazione alle esigenze dell’avvocatura e della magistratura” che possono essere segnalare e sulle quali un gruppo di lavoro permanente presso il ministero lavora intensamente.

A seguire l’intervento di Giovanni Malesci, Dirigente CISIA di Napoli, sullo “Stato dei progetti ministeriali, digitalizzazione post emergenziali e PNRR”. Questi ha affermato che nell’era della digitalizzazione il “sistema giustizia viaggia su un’autostrada che non provvede svincoli”, “una strada che non prevede più le carte“, ed in ragione di ciò bisogna adeguarsi e confrontarsi per addivenire alla soluzione dei problemi pratici.

La seconda sessione del convegno si è sviluppata con la Tavola Rotonda sul tema “L’impatto degli strumenti del PPT sull’attività giudiziaria e i nuovi modelli organizzativi degli uffici e degli studi professionali”, con l’intervento di Roberto Patscot, Sostituto Procuratore della Repubblica della Dda di Napoli, Orazio Rossi, Presidente dell’ufficio GIP/GUP del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere e dell’Avvocato Luigi Tecchia, Responsabile informatica della Camera Penale. Presenti in sala numerosi giudici del settore Gip del Tribunale e tra i numerosi avvocati penalisti del Foro, Camillo Irace, già Presidente della Camera Penale, Olimpia Rubino, Vicepresidente della Camera penale e Paolo Falco, Consigliere Segretario dell’Ordine degli Avvocati di Santa Maria Capua Vetere.

Corso di formazione per gli avvocati del Foro di Santa Maria Capua Vetere

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Processo telematico': le criticità del sistema informatico analizzate da avvocati e magistrati

CasertaNews è in caricamento