menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidio davanti la Prefettura di Caserta

Il presidio davanti la Prefettura di Caserta

Ex canapificio, presidio in piazza per lo sblocco dei fondi e della nuova sede

Assemblea pubblica davanti la Prefettura per avere risposte da Regione e Comune

Tornano a protestare gli attivisti del centro sociale Ex Canapificio di Caserta. Un presidio e l’assemblea pubblica con decine di partecipanti si è svolta infatti questa mattina davanti la Prefettura per ribadire la necessità di ottenere da parte delle istituzioni, Comune e Regione in primis, l’individuazione di uno spazio alternativo per le attività che ancora oggi si svolgono in strada dopo il sequestro dell’ex canapificio avvenuto lo scorso 12 marzo.

Ma non solo. Gli attivisti del centro sociali chiedono a gran voce di avviare “un percorso di messa in sicurezza da parte della regione Campania” per i locali dell’ex canapificio, lo sblocco dei fondi del progetto di accoglienza Sprar, oltre a risposte in merito alle vertenze cittadine messe in campo dalla rete Caserta Città Viva.

Il riferimento in questo caso è al Piedibus e ai suoi lavori di messa in sicurezza, “allo sblocco del regolamenti dei beni comuni per una migliore gestione degli spazi pubblici, al pagamento della rimanenza dei buoni libro del 2017-2918 per circa 1000 famiglie, per un totale di 120 mila euro che sono stati impegnati ma, inspiegabilmente, ancora erogati a chi ne ha diritto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento