menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agricoltori esclusi dai bonus, scatta presidio fuori la Prefettura

Sabato 10 aprile la protesta dei lavoratori del comparto agricolo: "15.000 braccianti esclusi dai bonus e dai sostegni"

Sabato 10 aprile, alle 9,30, i lavoratori e le lavoratrici del comparto agricolo, esclusi da ogni forma di sostegno, scendono in piazza per chiedere a gran voce al Governo tutele e maggiore attenzione. “Come Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Caserta - dichiarano i tre segretari provinciali Maria Perillo, Igor Prata e Gaetano Laurenza - chiederemo che finalmente le istituzioni nazionali tutelino anche i lavoratori agricoli. Quelle lavoratrici e quei lavoratori che l’ultimo anno di crisi pandemica ha dimostrato essere essenziali per l’intero sistema paese, come già accade per altri settori produttivi”.

“Saremo in presidio davanti la Prefettura di Caserta per portare sui territori la mobilitazione nazionale partita lo scorso 31 marzo. Sarà una manifestazione importante per la nostra provincia, perché ben 15.000 braccianti sono esclusi dai bonus e dai sostegni. Chiediamo la garanzia per l’anno 2020, ai fini della tutela assistenziale e previdenziale, delle stesse giornate di lavoro svolte nel 2019; il bonus per gli stagionali dell’agricoltura e la sua compatibilità con il reddito di emergenza; l’estensione della Naspi ai dipendenti a tempo indeterminato di imprese cooperative e dei loro consorzi; più tutele ai lavoratori agricoli nelle zone colpite da calamità naturali e eventi distruttivi”.

“Chiediamo inoltre - concludono Perillo, Prata e Laurenza - che venga riconosciuta la ‘clausola sulla condizionalità sociale’, per fare in modo che i contributi europei vadano solo alle aziende che rispettano i contratti e la legge, e che si ponga un argine al tentativo semplificare ulteriormente l’uso dei voucher in agricoltura, che gravi ricadute ha sulla tutela dei diritti dei lavoratori. Infine rivendichiamo la necessità di rinnovare rapidamente i contratti provinciali di lavoro agricoli, bloccati ovunque, e il rinnovo del contratto collettivo nazionale per la forestazione. La tutela dei diritti e della dignità dei lavoratori più deboli è fondamentale per la ripresa del paese e l’uscita dall’emergenza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Attualità

La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento