rotate-mobile
Attualità Recale

Presidente del Consiglio e statuto: non c'è intesa tra maggioranza e opposizione

Durante la riunione dei capigruppo il no di Porfidia alle richieste di Racioppoli

Presidenza del Consiglio e Statuto, la minoranza accusa: disponibilità al dialogo da parte del sindaco pari a zero. L'undici luglio si è svolta la riunione dei capogruppo chiesta da Angelo Racioppoli. Quest'ultimo ha dichiarato di essere "arrivato con le migliori intenzioni” in Comune ma di essersi visto sbattere le porte in faccia. All'ordine del giorno la scelta del presidente del consiglio e le modifiche allo statuto. “Poiché quello del presidente è un ruolo di garanzia, garanzia soprattutto delle prerogative dell’opposizione – dichiara Racioppoli –, ho invitato il sindaco Raffaele Porfidia e il capogruppo di “Sì Amo Recale” Angelo Di Carluccio a considerare uno dei tre consiglieri di “Insieme per cambiare”: Vincenzo Orballo, Angela Argenziano e Domenico Todisco”. Di fronte al “no” categorico di Porfidia, Racioppoli ha dichiarato la disponibilità del suo gruppo a valutare un consigliere o una consigliera di maggioranza: niente da fare. “Il sindaco ha liquidato la questione – fa sapere Racioppoli –, rivelandomi che il nome è stato già deciso ed è quello di Bruno Mingione. Sia chiaro, Mingione è persona degna di massima stima, ma il presidente, se lo si vuole votare all’unanimità, non può essere imposto dall’alto, non può essere il frutto della dittatura dei numeri; altrimenti che figura di garanzia è?”. Sulle modifiche allo statuto, stesso copione: “Ho tentato di mettere in guardia Porfidia e Di Carluccio – prosegue Racioppoli – sulle evidenti contraddizioni della procedura che hanno intrapreso; mi sono, però, ritrovato dinanzi a un muro. Insomma, sulla scelta dell’“arbitro” (il presidente) e sulle “regole del gioco” (lo statuto) disponibilità al dialogo da parte del sindaco pari a zero. Ma io non demordo”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presidente del Consiglio e statuto: non c'è intesa tra maggioranza e opposizione

CasertaNews è in caricamento