rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Attualità Teano

Pranzo di Natale per i detenuti con i prodotti coltivati nei terreni confiscati al clan

L'iniziativa a Carinola a cura della cooperativa "La Strada". Nel menu verdure, nocciole e ceci delle terre sottratte alla camorra

Pranzo di Natale per i detenuti con i prodotti raccolti nei terreni confiscati al clan Magliulo di Afragola a Teano. E' questa l'iniziativa, in programma giovedì 21 dicembre al carcere di Carinola, organizzata dalla cooperativa sociale ‘La strada’ di Teano in collaborazione con la direzione del penitenziario, sotto la guida di Carlo Brunetti, e resa possibile grazie all’impegno degli educatori, dei detenuti e dei docenti della scuola a indirizzo enogastronomico.

Un’occasione di aggregazione voluta fortemente dai soci lavoratori della cooperativa ‘La strada’ che gestiscono il bene confiscato clan Magliulo e intitolato alla memoria della vittima innocente di camorra "Antonio Landieri" a Pugliano di Teano. Ed è proprio dai terreni donati a nuova vita della frazione teanese che provengono alcuni dei prodotti destinati al menù - verdure sott'olio, ceci e nocciole - che potrà contare non solo sulla bontà e la qualità delle materie prime ma sul valore aggiunto della legalità.

Con l’evento ci sarà, non solo la costruzione di un momento di convivialità per i circa 80 detenuti che vi parteciperanno, in prossimità delle festività natalizie, ma anche un nuovo passo per suggellare un cammino già avviato che vede la collaborazione fra l'istituto penitenziario ed il territorio attraverso le progettualità co-gestite di inserimento lavorativo dei detenuti, a cura della cooperativa ‘La strada’.

L’obiettivo è quello di generare opportunità di vita lavorativa svincolate dalle logiche criminali dedicate ai detenuti, in modo da ridurre il rischio di recidiva e gettare le basi per validi e concreti percorsi di reinserimento sociale. La riacquisizione dei diritti non può che partire dal lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pranzo di Natale per i detenuti con i prodotti coltivati nei terreni confiscati al clan

CasertaNews è in caricamento