menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Chi è in quarantena vota da casa

Chi è in quarantena vota da casa

Positivi o in quarantena, ecco come fare per votare alle elezioni 2020

Chi è ricoverato o si trova in isolamento domiciliare può chiedere di esercitato il proprio diritto

Tra pochi giorni ci si dovrà recare ai seggi per votare per il Referendum, le Regionali in Campania ed anche le Amministrative in 14 comuni della provincia di Caserta. Ma, in tempi di pandemia da coronavirus, sorge spontaneo il dubbio (che hanno sollevato a Casertanews tanti cittadini) relativamente alla possibilità di votare di coloro che risultano contagiati o che sono in quarantena. Anche costoro, però, potranno votare anche se per farlo dovranno richiederlo ufficialmente.

Chi è ricoverato in ospedale 

L’elettore che sia degente in un ospedale o casa di cura, spiega il Ministero dell’Interno, “è ammesso a votare nel luogo di ricovero per le elezioni del comune nelle cui liste elettorali è iscritto se la struttura sanitaria è ubicata nel territorio del comune”. Per far ciò  dovrà presentare al sindaco un’apposita dichiarazione recante la volontà di esprimere il voto nel luogo di cura e l’attestazione del direttore sanitario dello stesso luogo di cura comprovante il ricovero. La dichiarazione, da inoltrare per il tramite del direttore amministrativo o del segretario dell’istituto di cura, deve pervenire al Comune non oltre il terzo giorno antecedente la votazione.

I ricoverati nei reparti Covid

Anche i contagiati da coronavirus possono votare per le elezioni comunali (se sono elettori del comune in cui è ubicata la struttura sanitaria avente reparto Covid) nelle sezioni ospedaliere, purché le strutture che li ospitano abbiano almeno 100 posti-letto. Se invece sono ricoverati in strutture con meno di 100 posti- letto, il loro voto viene raccolto da appositi seggi speciali.


Elettori positivi o in quarantena

Possono votare anche coloro che sono positivi e che restano a casa in quarantena o anche chi è posto in isolamento fiduciario grazie al seggio speciale per la raccolta del voto a domicilio. Per chiedere di votare si deve far pervenire al sindaco del comune nelle cui liste sono iscritti, in un periodo compreso tra il 10° e il 5° giorno antecedente quello della votazione una dichiarazione attestante la volontà di esprimere il voto presso il proprio domicilio e recante l’indirizzo completo di questo; un certificato, rilasciato dal funzionario medico designato dalla Asl, in data non anteriore al 14° giorno antecedente la data della votazione, che attesti l’esistenza delle condizioni predette.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

I doni ‘Made in Casale’ diventano sponsor della presidenza del Consiglio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento