rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità Aversa

"Ai cittadini morosi pignorate senza preavviso anche le card prepagate"

La denuncia della consigliera D'Angelo: "In ginocchio centinaia di cittadini"

"Gli aversani stanno subendo pignoramenti di stipendi, conti correnti, libretti di risparmio e carte prepagate. Tutto questo sta avvenendo senza che gli venga preannunciato e senza che possano effettuare, dopo il pignoramento, una rateazione che consenta loro di dilazionare il debito che consiste nel mancato pagamento di tasse e tributi comunali". A lanciare l’allarme il consigliere del Pd, fazione opposizione, Eugenia D’Angelo che, insieme all’associazione "La città futura", si è resa protagonista del manifesto "una vergogna aversana".

"I pignoramenti attivati in questi giorni dalla società che gestisce il servizio di esazione delle entrate comunali ad Aversa – ha dichiarato - stanno mettendo in ginocchio i cittadini aversani economicamente più deboli e quelli più provati dalla catastrofe economica causata dalla pandemia. Ad essere colpiti non sono solo famiglie ma anche tanti commercianti e aziende".

D’Angelo chiama in campo la politica e, nello specifico, fa appello alla maggioranza guidata dal sindaco Alfonso Golia: "Occorre che l’amministrazione Golia si faccia carico di porre dei vincoli all’azione aggressiva messa in atto dalla società di esazione delle entrate del comune di Aversa. La riscossione dei tributi inevasi o arretrati è sacrosanta, ma deve tener conto delle difficoltà economiche di famiglie monoreddito, disoccupati, pensionati, commercianti e aziende che si sono trovati, da un giorno all’altro, le carte prepagate, i libretti di risparmio e i conti correnti bloccati dai pignoramenti, senza poter neanche prelevare il minimo per far fronte alle esigenze familiari quotidiane o a quelle per i pagamenti delle attività commerciali e aziendali; senza poter accedere alla rateizzazione del debito".

"Siamo di fronte a una situazione inaccettabile in qualsiasi paese civile. È necessario che l’amministrazione adotti una delibera di giunta o di consiglio comunale individuando i criteri ai quali la società di riscossione deve attenersi, ad esempio: richiesta della preventiva certificazione del dirigente all’area finanziaria della mancata prescrizione dei tributi 2015 non riscossi, oggetto degli attuali pignoramenti; obbligo della notifica preventiva dell’atto di pignoramento con l’invito alla rateizzazione entro 30 giorni dalla data della notifica; consentire il pagamento del debito con rate bimestrali adeguate all’Isee del nucleo familiare o ai bilanci degli ultimi due anni per commercianti e aziende; prevedere una soglia massima delle sanzioni che la società di riscossione può applicare in caso di pignoramento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ai cittadini morosi pignorate senza preavviso anche le card prepagate"

CasertaNews è in caricamento