Attualità

Covid, De Luca: "Piano vaccini per studenti. Rischio focolaio a scuola"

Il governatore della Campania avverte: "Quest'anno voglio avere le scuole aperte, ma dobbiamo completare la vaccinazione al di sotto dei 18 anni"

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca

Fra due mesi prenderà il via il nuovo anno scolastico e migliaia di studenti della provincia di Caserta potranno tornare a seguire le lezioni in presenza. Tuttavia resta una grande preoccupazione, legata alla campagna vaccinale sulla popolazione scolastica.

Il piano di vaccinazione

Lo sa bene il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca che ha fatto sapere: "Martedì 20 luglio definiamo il piano specifico di vaccinazione per quanto riguarda la popolazione studentesca. La preoccupazione è questa, fra un mese e mezzo, due mesi si apre l'anno scolastico in presenza. Se non avremo completato la vaccinazione del personale scolastico e della popolazione studentesca, quello delle scuole diventa un altro focolaio formidabile di diffusione del contagio".

La scuola in Campania inizierà il 15 settembre: il calendario

"Siccome quest'anno voglio avere le scuole aperte con i ragazzi in presenza è chiaro che dobbiamo completare la vaccinazione al di sotto dei 18 anni ed è questo l'impegno per le prossime settimane - ha aggiunto De Luca - Cercheremo di rintracciare, per quanto possibile, anche gli over 60. Noi abbiamo gia' convocato, almeno tre volte, le persone di eta' superiore ai sessant'anni per completare la campagna di vaccinazione".

Le critiche al Governo sui vaccini

Il governatore della Campania è poi tornato sulla questione vaccini, sferrando l'ennesimo attacco al governo Draghi: "Ha fatto una comunicazione, sul piano dei vaccini, disastrosa che ha creato soltanto incertezza. Non se ne sono accorti neanche gli osservatori. Leggevo stamattina le cose che scriveva Sabino Cassese che sono autentiche stupidaggini, a proposito del rapporto fra Stato e Regioni. Sul Covid, hanno retto le Regioni perchè lo Stato italiano non esiste, il Ministero della Salute in pratica è stato sciolto, non so se è chiaro, non se ne sono accorti". Per De Luca la "comunicazione irresponsabile" ha determinato "una crisi di fiducia da parte dei cittadini, per cui dalla fine di giugno c'è stato un abbassamento nella disponibilità alle vaccinazioni". "Non solo, ma abbiamo dovuto ascoltare le stupidaggini raccontate dal commissario al Covid che ci ha raccontato, fino a un giorno fa, che a luglio avremo avuto tutti i vaccini necessari - ha aggiunto - Sappiamo che questo è falso perchè i vaccini disponibili servono solo a fare le seconde dosi, non ne abbiamo altri. Quindi, stiamo cercando di uscire fuori dal Covid grazie soprattutto allo sforzo delle Regioni perchè, per quello che guarda lo Stato italiano, mettiamoci una croce sopra".

L'attacco a Salvini sulle discoteche

De Luca, inoltre, ha preso di mira il leader della Lega, Matteo Salvini: "Dobbiamo essere assolutamente preoccupati. Sapete che in Campania le mascherine sono state sempre obbligatorie, non abbiamo mai seguito, nella sua irresponsabilità, il segretario nazionale della Lega. Questo signore che sta dando prove veramente di una irresponsabilità senza limiti. Mi hanno mandato un video di una discoteca che è sul litorale salernitano - ha aggiunto De Luca - dove si vedono centinaia di ragazzi senza mascherine, uno sull'altro. Questa realtà è una realtà diffusa in tutta Italia, altro che apriamo le discoteche. Oggi, abbiamo altri 200 e più positivi. E' vero che sono asintomatici in larga misura, però è vero anche che, se continua questo trend, prima o poi avremo anche gli ospedali occupati. Dobbiamo essere responsabili".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, De Luca: "Piano vaccini per studenti. Rischio focolaio a scuola"

CasertaNews è in caricamento