rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Attualità Casapesenna

Ricorso al Tar 'stoppa' il Puc: il giudice incarica l'Università

Il giudice ha accolto le rimostranze di un cittadino ed ha avviato delle indagini

Ricorso contro l'approvazione del Piano urbanistico comunale. Un cittadino di Casapesenna ha presentato ricorso al Tar della Campania per richiedere delle verifiche sul Puc e il giudice di fatto ha disposto la "verificazione tecnica" rinviando una nuova udienza al prossimo 20 luglio 2022. Il giudice della sezione ottava, Francesco Gaudieri, ha ritenuto necessario accertare "se lo stato di fatto assunto quale base per l’adozione del piano, al fine di quantificare il fabbisogno abitativo e le relative dotazioni di standard, sia conforme all’attuale stato dei luoghi con particolare riferimento agli immobili già edificati, a quelli sanati, a quelli sanabili già oggetto di domanda di sanatoria/condono, alle volumetrie autorizzate nell’ambito del recupero dei sottotetti nonchè a tutti gli altri aspetti evidenziati nel ricorso e nel parere di cui alla citata determinazione della Provincia di Caserta". E quindi se e in che modo "l’ente locale abbia effettivamente adeguato il piano urbanistico alle prescrizioni e alle osservazioni rese dalla Provincia".

La verificazione è stata affidata al direttore pro tempore del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale “Luigi Vanvitelli” della Seconda Università di Napoli, con facoltà di delega a docente in possesso delle opportune competenze, il quale provvederà entro e non oltre sessanta giorni dalla comunicazione dell'ordinanza, con deposito di relazione conclusionale, corredata da opportuni documenti esplicativi (anche grafici e fotografici), nei successivi trenta giorni presso la Segreteria della Sezione. Poi entro gli ulteriori successivi venti giorni, le parti potranno depositare eventuali osservazioni e documenti, ed entro gli ulteriori successivi dieci giorni, il tecnico verificatore dovrà depositare le proprie repliche alle eventuali osservazioni delle parti.

Chiaramente il verificatore avrà facoltà di visionare il fascicolo di causa e di estrarre copia degli atti, nonché di acquisire, presso la Provincia di Caserta e il Comune di Casapesenna, l’ulteriore documentazione ritenuta necessaria. Contestualmente al deposito della relazione il verificatore depositerà istanza di liquidazione del proprio compenso, e dovrà essere corredato di apposita nota specifica delle spese, contenente l'indicazione della misura degli onorari spettanti, nonché la precisazione se l’attività è stata svolta al di fuori dell’orario di servizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricorso al Tar 'stoppa' il Puc: il giudice incarica l'Università

CasertaNews è in caricamento