Mercoledì, 17 Luglio 2024
Attualità

Pochi pediatri di base, tempi di attesa lunghi e diagnosi in ritardo

Il consigliere regionale Mensorio protocolla interrogazione a De Luca: "Molte famiglie in difficoltà per accesso a cure specializzate"

 "Quali provvedimenti il governo regionale intende adottare al fine di garantire una maggiore disponibilità di medici pediatri e un servizio di assistenza sanitaria all'altezza delle aspettative delle famiglie campane e, al contempo, porre con ulteriore forza sul tavolo del governo nazionale la questione della carenza di medici di base e di specializzati in pediatria nel Servizio sanitario nazionale?". È quanto chiede il consigliere regionale campano del gruppo Misto - Cdu, Giovanni Mensorio, in un'interrogazione rivolta al governatore Vincenzo De Luca.

"Negli ultimi mesi - si legge nell'atto - la mancanza di personale medico specializzato in pediatria ha sollevato non poche preoccupazioni e ha avuto un impatto significativo sulla qualità dell'assistenza sanitaria pediatrica in Campania. Le aree maggiormente colpite dalla carenza di pediatri - rileva Mensorio - sono quelle con una densità abitativa bassa, come l'Alta Irpinia e il salernitano, dove i pediatri spesso devono assistere i pazienti anche di cinque-sei comuni che, in larga parte dei casi, si trovano a notevole distanza l'uno dall'altro".

"La carenza si ripercuote anche sui grandi centri come Napoli, Caserta e Salerno, che - aggiunge il consigliere regionale - hanno una popolazione significativa di bambini che necessitano di cure mediche specializzate, determinando una progressiva difficoltà di accesso all'assistenza sanitaria per i lunghi tempi di attesa, diagnosi ritardate o incomplete per via del sovraccarico di lavoro, con la conseguenza che i medici possono avere meno tempo per ogni paziente e una maggiore pressione sugli ospedali a causa della mancanza di pediatri in ambulatorio. Molte famiglie, infatti, si rivolgono agli ospedali per cure non urgenti, aumentando la pressione sui servizi ospedalieri".

"Questa circostanza - prosegue Mensorio - aumenta lo stress dei medici determinato dal dover lavorare in condizioni di carenza, rischiando il burnout, con conseguente impatto sulla qualità dell'assistenza che possono offrire ai pazienti. L'auspicio - conclude - è che ci possa essere una sinergia istituzionale proficua finalizzata ad assicurare ai pazienti un numero adeguato di professionisti e un'assistenza all'altezza delle loro aspettative".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pochi pediatri di base, tempi di attesa lunghi e diagnosi in ritardo
CasertaNews è in caricamento