menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Marino ed il gruppo del Pd Caserta

Il sindaco Marino ed il gruppo del Pd Caserta

Il Pd di Caserta contro De Luca per la proroga alle cave

Documento durissimo del coordinamento contro la proposta di delibera che arriverà in consiglio regionale. "Graziano ed Oliviero si dimettano in caso di mancato cambio di passo"

Il Partito Democratico di Caserta assume una posizione molto dura nei confronti del presidente della Regione Campania Enzo De Luca per la proroga alle cave nel Capoluogo, collegata alla futura apertura del Policlinico, i cui lavori sono fermi e la cui realizzazione resta dunque ancora tutta da definire.

Dopo il caso sollevato dal consigliere comunale Antonio Ciontoli, anche il coordinamento cittadino del Pd ha preso una posizione con un documento nel quale si legge: "La delibera di giunta regionale, di fatto, posticipa a tempo indeterminato il termine ultimo della riqualificazione ambientale delle cave, rispetto alla già tardiva data del 30 giugno 2019, prevista nella legge 22 del 2017. Si ritiene particolarmente grave che tale proposta non sia siata preceduta da alcuna interlocuzione con la parte amministrativa e politica del PD di Caserta che governa la città è che con l'approvazione del Parco Urbano dei Colli Tifatini del 2017 ha già segnato un inequivocabile cambio di passo nella gestione del nostro martoriato patrimonio collinare".

Per il coordinamento cittadino del Pd è "dannosa l’approssimativa sottovalutazione che si fa di una questione lungamente dibattuta in città. Una battaglia partecipata storicamente anche dal PD, come dimostrano le tre delibere consiliari promosse da noi anche quando eravamo all’opposizione ed approvate all’unanimità dal Consiglio Comunale. Nel merito, poi, il coordinamento del PD della città di Caserta giudica palmare nella sua evidenza e pertanto offensivo il peggioramento che la proposta di legge comporta per la città, peraltro abbondantemente lesa nel sacrosanto diritto di vedere già azzerate le attività estrattive sul proprio territorio a salvaguardia della salute pubblica. Ultimo ma non ultimo, si è ritenuto opportuno procedere agganciando beffardamente il termine delle attività estrattive alla data di entrata in funzione del nuovo Policlinico, un’altra promessa allo stato non mantenuta alla città".

Pertanto il coordinamento del PD della città di Caserta "sostiene la richiesta inoltrata dal Sindaco di Caserta Carlo Marino al Presidente della Giunta Regionale per una urgentissima audizione, comunque antecedente la discussione consiliare della proposta di legge; impegna la propria rappresentanza consiliare e di Giunta ad individuare e ad assumere, anche attraverso la convocazione ad horas di un Consiglio Comunale tematico, ulteriori ed utili determinazioni atte a rappresentare la più volte confermata e consolidata volontà della città di Caserta di essere contraria al permanere, anche per un solo per un giorno in più rispetto ai vigenti termini di legge, delle attività estrattive sul proprio territorio; impegna i consiglieri regionali del PD della Provincia di Caserta, e non solo, ad adoperarsi per emendare la proposta di legge della Giunta Regionale, eliminando l’articolo 4 sopra riportato, nei passaggi in Commissione e/o in Aula. Sollecita inoltre i Consiglieri Graziano e Oliviero a rassegnare le dimissioni dalla presidenza delle rispettive commissioni (Ambiente e Sanità) qualora l'impropria proroga dovesse essere approvata dal Consiglio regionale; sollecita la Presidenza della Regione Campania a verificare l'eventuale mancata ultimazione delle attività di riqualificazione delle cave alla data già fissata al 30/06/19 e ad approfondire le eventuali ragioni di una mancata ottemperanza; impegna le rappresentanze politiche superiori del PD della provincia a fare propria questa battaglia di prossimità ai bisogni dei casertani, che segnerà la tenuta rispetto all’apertura di credito che a Caserta si è indirizzata sul PD alle ultime Europee, in percentuali ben più alte rispetto alla media provinciale e regionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento