E' positiva e deve partorire: i carabinieri la scortano in ospedale dove mette al mondo Clarissa

La clinica privata aveva negato l'accesso perché la 32enne era stata contagiata dal virus

Riesce a partorire nonostante sia positiva al Covid-19 grazie all’aiuto dei carabinieri che la scopertano fino all’azienda ospedaliera di Caserta dove nasce la sua bambina.

La protagonista di questa storia è una donna di 32 anni di Casal di Principe che, quasi al nono mese di gravidanza, in preda al panico, si è rivolta al 112 dopo che la sua clinica privata, dove avrebbe dovuto partorire, le ha detto che da loro non sarebbe potuta andare in quando positiva. 

L'episodio risale a mercoledì scorso. I carabinieri, compresa la gravità della situazione, si sono subito attivati: hanno avvisato i comandanti dei reparti della zona che hanno fatto un giro di telefonate a tutti gli ospedali Covid della Campania. Anche grazie alla collaborazione di una ostetrica è stato trovato un posto letto d'emergenza per la donna nel reparto maternità covid dell'ospedale di Caserta. 

Un'ambulanza, scortata dai carabinieri di Casal di Principe (coordinati dal capitano Luca Gino Iannotti), ha garantito il trasferimento della donna, già madre di un bimbo di 15 mesi, dalla sua abitazione al nosocomio casertano dove, nella tarda serata di venerdì, ha dato alla luce Clarissa, tre chilogrammi circa. Sia la mamma che la piccolina stanno bene, anche se separate dal Coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato il dj Joseph Capriati: il padre arrestato per tentato omicidio

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Joseph Capriati operato in ospedale. Ricostruita la lite in casa col padre

  • Caserta in ansia per Joseph Capriati, il dj più famoso da Ibiza agli Usa

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

Torna su
CasertaNews è in caricamento