Sabato, 16 Ottobre 2021
Attualità Piedimonte Matese

Parco Nazionale del Matese, lettera-appello a Mattarella: "Ci aiuti lei"

Il WWF si fa portavoce delle istanze di 70 associazioni della consulta

Si muove anche il WWF nazionale per definire l’istituzione del Parco Nazionale del Matese che, per la sua rilevanza ambientale, meriterebbe un’istituzione immediata”. Le 70 associazioni che costituiscono la consulta da molto tempo sollecitano di chiudere l’iter istitutivo, sono state raccolte migliaia di firme ma, ad oggi, il Parco nazionale del Matese si trova inspiegabilmente in una situazione di stallo. “Perché?” È la domanda che si è posta Donatella Bianchi, presidente Wwf Italia Onlus, che ha deciso di scrivere una lettera al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

“Il Matese è una naturale cerniera tra l’Appennino Abruzzese e l’Appennino Meridionale, un fondamentale “corridoio ecologico” tra le aree protette della spina dorsale italiana, e l’anello mancante di una lunga catena di Parchi Nazionali che tutelano e valorizzano ampie aree di pregio ambientale del Centro-Sud Italia. La legge quadro sulle aree protette prevede che “I parchi nazionali ... sono istituiti e delimitati in via definitiva con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell'ambiente, sentita la regione”, ma ad oggi le 2 Regioni coinvolte (Campania e Molise) non si sono ancora espresse. A sostegno del nuovo Parco Nazionale, si sono mobilitate oltre 70 associazioni, riunite nella “Consulta del Matese” che fin dalla sua costituzione ha svolto un’importante attività di informazione, sensibilizzazione e confronto. Anche le diverse organizzazioni territoriali locali del WWF aderiscono alla Consulta del Matese. L’ultima iniziativa della Consulta è consistita nell'Appello, che finora ha ricevuto circa 6000 adesioni, per completare la realizzazione del Parco Nazionale, consegnato il 2 giugno scorso alla Presidenza della Repubblica, al Ministro della Transizione Ecologica e ai Presidenti delle Regioni Campania e Molise. Ma anche tale iniziativa è rimasta finora priva di fattivo riscontro. Facendo propria l’iniziativa della Consulta, ci rivolgiamo direttamente a Lei, sperando che possa fare in modo che venga finalmente cancellata l’assurdità di questa situazione: un Parco istituito e mai attivato e leggi dello Stato disattese da coloro che sono ai vertici dello Stato stesso. Ritenendo non ulteriormente differibili la chiusura dell’iter istitutivo e l’istituzione del Parco Nazionale del Matese, in coerenza con la procedura commissariale avviata e nel rispetto dei principi fissati e dei contenuti minimi individuati ai sensi della Legge 6 dicembre 1991, n. 394, confidiamo, Signor Presidente, che da garante delle Istituzioni di questo Paese, possa dare una svolta a una vicenda divenuta ormai davvero intollerabile”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Nazionale del Matese, lettera-appello a Mattarella: "Ci aiuti lei"

CasertaNews è in caricamento