Papa Francesco 'caccia' il prete accusato di esorcismi ed abusi sessuali

L'atto ufficiale del Santo Padre 'inappellabile'. Don Michele arrestato 14 mesi fa

Don Michele Barone e Papa Francesco

Ci sono voluti 14 mesi alla Chiesa per cacciare ufficialmente don Michele Barone, il parroco del Tempio di Casapesenna arrestato e finito sotto processo per lesioni ai danni di una minorenne di Maddaloni durante gli esorcismi ed accusato anche di aver abusato sessualmente di alcune fedeli di quella che è stata definita la sua “setta”.

“La Diocesi di Aversa - si legge in una nota ufficiale - comunica che, con Decreto della Congregazione per la Dottrina della Fede, il Santo Padre Francesco, ai sensi dell'Art. 21 § 2, 2° SST, con suprema e inappellabile decisione, ha decretato la dimissione dallo stato clericale del Reverendo Michele Barone, di questa Diocesi di Aversa e membro dell'Associazione "Piccola Casetta di Nazareth".

Il decreto è stato notificato all'interessato, che, per la dimissione dallo stato clericale, non potrà più esercitare il ministero sacerdotale ed è dispensato dagli obblighi e dagli oneri derivanti dalla Sacra Ordinazione. “La Chiesa, anche quando applica la legge canonica nella sua legittima severità, ha come fine la salvezza delle anime, rimane in preghiera continuando a sostenere con fraterna carità quanti sono nella sofferenza” conclude la nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Joseph Capriati operato in ospedale. Ricostruita la lite in casa col padre

  • Caserta in ansia per Joseph Capriati, il dj più famoso da Ibiza agli Usa

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

Torna su
CasertaNews è in caricamento