rotate-mobile
Attualità Marcianise

Nuove segnalazioni di lesioni da Palazzo Argenziano in piazza Umberto I

Il tetto della struttura è crollato dopo una violenta grandinata

Sono partite nuove segnalazioni alla magistratura ed agli organi competenti per le ennesime lesioni apparse nella muratura dell’imponente Palazzo Argenziano che sovrasta la piazza principale di Marcianise. Invece, di attività specifica per predisporre i lavori necessari alla risoluzione del problema e alla eliminazione del pericolo latente, non se ne scorge l’ombra.

E mentre vanno concludendosi le procedure giudiziarie che stabiliranno cause e responsabilità, tutti sembrano inerti, fermi, soprattutto i proprietari che appaiono più attivi nella ricerca di improbabili acquirenti cui lasciare la patata bollente del costosissimo consolidamento del fabbricato.

Pendono procedimenti penali, sono attive numerose procedure civilistiche per i risarcimenti del danno. Anche il Consiglio di Stato, dopo i fonogrammi dei Vigili del Fuoco e le ordinanze del Comune di Marcianise, ha disposto il monitoraggio delle crepe aperte nella muratura ed altre indagini strutturali, mentre un primo accertamento tecnico preventivo del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha decretato che il crollo del tetto, avvenuto durante la grandinata dell’11 settembre 2017, è attribuibile per il cinquanta per cento alla vetustà del palazzo.

Tutto ciò lascia poco spazio al dubbio su quali saranno le responsabilità definitive della precarietà strutturale del Palazzo e su quali saranno le consequenziali azioni necessarie da intraprendersi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove segnalazioni di lesioni da Palazzo Argenziano in piazza Umberto I

CasertaNews è in caricamento