All'ospedale di Sessa il travaglio è doppio

L'odissea delle gestanti denunciata dai sindacati

L'ospedale San Rocco di Sessa Aurunca

L'ospedale civile San Rocco di Sessa Aurunca continua a far discutere. Inadeguatezze strutturali del reparto di Ostetricia e Ginecologia con la relativa sala parto sono lamentate dal Nursind, sindacato delle professioni infermieristiche. In una nota diretta al Direttore Generale dell'ASL di Caserta Ferdinando Russo i responsabili settoriali, Angela Raso ed Amedeo Palone, evidenziano ulteriormente le falle organizzative della gestione dei lavori oramai infiniti presso il nosocomio sessano. Il disappunto riguarda i nuovi percorsi che devono seguire i degenti del reparto di Ostetricia e Ginecologia.

"I nuovi lavori hanno bloccato i vecchi percorsi che seppur obsoleti garantivano una certa fluidità ed una certa logica assistenziale - scrivono i due responsabili nella nota - Nel nuovo reparto la partoriente che deve essere accompagnata in sala parto anche in urgenza usufruisce di un ascensore che dal secondo piano raggiunge il primo, quindi percorre l'intera ala del suddetto piano attraverso l' UOC di Anestesia e Rianimazione, poi il corridoio che porta alla sala d'aspetto ed il successivo che immette nell'UOC di Chirurgia Generale. Dopo questo omerico percorso dovrà prendere l'ascensore e risalire al secondo piano per essere assistita in sala travaglio per poi ripercorrerlo a rebours una volta avvenuto il lieto evento".

Stessa sorte toccherà al nascituro "tra corridoi, reparti, montacarichi ed ascensori che accolgono di tutto: operai, vitto, rifiuti speciali e visitatori". Alle criticità del percorso ad ostacoli del Reparto di Ostetricia e Ginecologia si aggiunge la drastica riduzione dei posti letti che da 14 nel reparto di Ostetricia e 4 in Ginecologia si é passati a ben 6 posti letto misti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il focus ospedaliero è posto sull'incremento delle nascite naturali riducendo quelle realizzate con cesareo con una previsione di circa 500 parti all'anno. Il nosocomio sessano a stento riesce a garantire 130 natalità e con i non beneauguranti presupposti tra percorsi rebus e mancanza di posti letto, la casistica subirà una brusca riduzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse in Campania fino al 30 ottobre per il coronavirus

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • Doppiato il record di contagi: 284 casi e 2 decessi nel casertano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento