menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ospedale di San Felice a Cancello

L'ospedale di San Felice a Cancello

Ospedale di San Felice a Cancello a rischio chiusura. L'allarme di 8 comitati civici

Richiesto un incontro urgente con i sindaci e i rappresentanti politici del territorio

A rischio chiusura l'ospedale di San Felice a Cancello. A denunciarlo i comitati civici Terra Mia, Pegaso, Alternativa Giovani Suessola, Oltre ogni Confine, Pro Loco Cervino, Pro Loco Valle, Pro Loco Cancello Scalo e Pro Loco Arienzo. "E' a rischio la salute, la dignità, e l'orgoglio del popolo della Valle di Suessola". Dall'Asl - lamentano i comitati - stanno "continuando a depauperare il territorio suessolano privandolo della giusta e dovuta assistenza sanitaria causando disastri e morti di cittadini affetti da gravi e croniche patologie: malattie cardiovascolari, oncologiche, pneumologiche per ritardi di diagnosi, cure ed assistenza. Eppure, lo chiariscono le statistiche epidemiologiche, si muore più per queste patologie che per il Covid. Hanno prima depauperato i vari reparti dell’Ospedale di San Felice a Cancello del personale medico-infermieristico, Oss, con la complicità del Direttore Sanitario Presidiale ed ora si profila concretamente la chiusura dello stesso nosocomio". 

I comitati civici denunciano poi "l'ultimo scellerato atto, il trasferimento di due dirigenti medici dall’Ospedale di S. Felice a Cancello agli ospedali di Sessa Aurunca e Piedimonte Matese. L’emergenza Covid certamente rappresenta una priorità sanitaria ma non si può consentire che tutta una così vasta comunità soffra e muoia per altre più frequenti malattie conseguenti a scellerate decisioni della Dirigenza Sanitaria dell’Asl di Caserta. E mentre succede questo la politica tace". 

E ai politici: "Dio non voglia, ma potrebbe capitare anche a un vostro caro, l’impossibilità di effettuare una visita medica, un esame strumentale propedeutico per praticare una Tac o piuttosto una terapia oncologica, o reperire un posto letto per un minimo di assistenza degenziale, senza essere costretti ad aspettare mesi o a spostarsi per chilometri e chilometri con tutte le difficoltà conseguenti. Signori politici svegliatevi prima che sia troppo tardi, Rischiate di essere i primi colpevoli e complici di un “delitto” che viene perpetrato nelle vostre Comunità e contro i vostri cittadini. Sappiate che delle vostre diatribe interne, delle vostre megalomanie non ne vogliamo sapere. Siete lì, su quelle poltrone, per tutelare, se ne siete capaci, i diritti delle Comunità che vi hanno eletto".

E quindi la richiesta di un "incontro con tutti i Sindaci, i Consiglieri Regionali e Deputati del territorio per affrontare l’emergenza salute dei cittadini suessolani, argomento troppe volte usato solo per fini elettorali ma mai per dare soluzioni e risposte concrete e definitive".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento