Giovedì, 18 Luglio 2024
Attualità Santa Maria Capua Vetere

Pronto soccorso chiuso: "Attiviamo subito un Psaut per gestire l'emergenza"

L'appello dei consiglieri di minoranza Aveta e Crisileo

I consiglieri di minoranza di Santa Maria Capua Vetere, Raffaele Aveta e Italo Crisielo tornano sulla questione dell'ospedale "Melorio": "In attesa della riapertura del pronto soccorso, chiediamo con urgenza l’attivazione di un punto di emergenza territoriale Psaut".

Gli esponenti di "Alleanza per la città - Movimento 5 Stelle" evidenziano, ancora una volta, il depauperamento dell’ospedale Melorio e sottolineano la necessità della messa in funzione di un punto di emergenza territoriale a Santa Maria Capua Vetere.

"Il Psaut - spiega Aveta - sarebbe certamente una soluzione transitoria percorribile fin da subito, poiché già sono presenti le professionalità necessarie all’interno del presidio ospedaliero sammaritano, compresi il personale medico e sanitario, il laboratorio di analisi e la radiologia. Il punto di emergenza territoriale costituirebbe, se non altro, un riferimento concreto per le urgenze meno gravi, con il duplice effetto positivo di evitare ai cittadini del distretto faticose trasferte negli ospedali più distanti e di alleggerire il carico di lavoro di questi ultimi, ormai allo stremo. Ci sarebbe dunque un vantaggio per l’intero sistema sanitario della provincia di Caserta".

Di questo e, in generale, della salvaguardia del Melorio, si era parlato anche nel corso di un incontro dei cittadini con il sindaco all’esito di una manifestazione di protesta davanti al nosocomio sammaritano. "In quella occasione - continua Crisileo - Mirra aveva preso dei precisi impegni, anche a proposito di una interlocuzione con il direttore generale dell’Asl. Da allora, però, tutto è rimasto fermo e il sindaco sembra più preoccupato delle polemiche politiche interne alla sua maggioranza che del destino dell’ospedale Melorio. Anzi, è notizia recente che un’altra importante apparecchiatura è stata trasferita altrove dall’ambulatorio di oculistica. Così come si sta assottigliando la pianta organica del personale amministrativo e sanitario".

Aveta conclude: "Continueremo a batterci per tenere alta la guardia a difesa del diritto alla salute di tutti i cittadini, nonostante le resistenze e i continui attacchi all’ospedale Melorio, del quale vogliamo capire il destino. Qualcuno dovrà pur aver il coraggio di dirci chiaramente come stanno le cose e assumersi le proprie responsabilità gestionali e politiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronto soccorso chiuso: "Attiviamo subito un Psaut per gestire l'emergenza"
CasertaNews è in caricamento