rotate-mobile
Attualità

Flash mob all'ospedale per chiedere la conferma dei precari

All'evento ha preso parte anche il consigliere Zinzi: "Siamo in attesa di sapere perché la direzione del Sant'Anna e San Sebastiano non dia applicazione a quanto richiesto dalla legge di bilancio"

“In un momento in cui l’attenzione del presidente De Luca è puntata, anche in Conferenza Stato-Regioni, sul riparto dei fondi sanitari e sulla carenza di organico è anomalo che professionalità che sono frutto di esperienza, di competenza e capacità poi non vengano recuperate. Assurdo poi che tutto ciò avvenga all’Aorn Caserta, azienda ospedaliera di rilievo nazionale”, così il capogruppo Lega e componente Commissione Sanità in Regione Campania, Gianpiero Zinzi.

Il consigliere regionale questa mattina (14 aprile) ha partecipato al flash mob organizzato all’esterno dell’ospedale di Caserta dal personale sanitario e socio-sanitario precario. “Siamo ancora in attesa di sapere - aggiunge Zinzi - perché la direzione dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano non dia applicazione a quanto disposto dalla legge di bilancio 234/2021, così come fatto dall’Aorn ‘Santobono-Pausillipon’ di Napoli e come richiesto con l’ultima interrogazione a mia firma. Il personale sanitario precario ha garantito il mantenimento dei Lea e ha fronteggiato due anni di pandemia, ora viene mandato a casa. La Regione Campania decida: o sono eroi e allora deve tutelarli, oppure non lo sono e deve rinnegare quanto fatto finora”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flash mob all'ospedale per chiedere la conferma dei precari

CasertaNews è in caricamento