Pronto soccorso senza medici, diffida al manager dell'ospedale

Ficco (Saues): "Dottori costretti a turni che superano le 12 ore"

Diffidata l’azienda ospedaliera di Caserta. Il Saues, il sindacato autonomo dei medici di urgenza e emergenza sanitaria, ha infatti richiesto attraverso una diffida, con il presidente nazionale Paolo Ficco, che l’azienda ospedaliera provveda ‘immediatamente’ alla copertura medica di tutti i turni previsti dal servizio di pronto soccorso.

“Se è vero, come apprendiamo, che alcuni turni del servizio di pronto soccorso dell’ospedale di Caserta risulterebbero scoperti costringendo chi è in servizio a prolungare la propria permanenza nella struttura oltre il massimo delle 12 ore previste dalla legge, ci troveremmo di fronte ad un fatto grave, ad una grave violazione delle norme stabilite dal contratto collettivo nazionale di lavoro, oltre che delle direttive europee in materia”, spiega Ficco.

“Per questo – aggiunge – abbiamo invitato con fermezza il commissario straordinario dell’azienda ospedaliera a porre in atto tutte le misure necessarie alla completa copertura di tutti i turni del servizio, ed in special modo di quelli notturni, pena il doversi assumere la piena responsabilità di qualsiasi conseguenza, diretta o indiretta, relativa a questa carenza”. “Confidiamo naturalmente nell’adempimento di questo dovere affinché non siano danneggiati in primo luogo i cittadini utenti”, conclude il presidente nazionale del Saues.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • L'abbandono, poi le lacrime e l'abbraccio: 'C'è Posta per Te' riunisce padre e figlio del casertano

  • Blitz di Luca Abete, scoperta scuola che offre punteggio ai prof in cambio di soldi I VIDEO

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Un boato in pieno coprifuoco: bomba esplode davanti a tabacchi

Torna su
CasertaNews è in caricamento