Proibizionismo in centro, l'ordinanza non regge: drink anche dopo le 23

La presidente del comitato civico Di Costanzo: "Chiediamo rispetto delle regole non provvedimenti a danno dei commercianti"

Fatta l'ordinanza trovato l'inganno. Se qualche controllo in più c'è stato il divieto di consumare alcolici dopo le 23 non è stato rispettato con tanti giovani che hanno sorseggiato i propri drink nella 'zona rossa' istituita dal sindaco Carlo Marino anche dopo l'ora X.

A rivelarlo a Casertanews è la presidente del comitato civico "Caserta No Degrado, No Movida Selvaggia" Rosi Di Costanzo che ha raccontato di un sabato sera ordinario, con musica a tutto volume e persone in strada a bere anche dopo le 23. "Una cosa va detta - spiega Di Costanzo - l'ordinanza del Comune è stata fatta per tutelare sé stessi ma senza affrontare il problema. Non hanno mai voluto ascoltarci in questi anni in cui abbiamo depositato decine di esposti e denunce ben circostanziati. Con il provvedimento adottato, invece, il sindaco spara nel mucchio andando a colpire tutti i commercianti".

Di Costanzo sottolinea come "i residenti del centro storico non sono contro agli esercenti della movida. I residenti chiedono che ci siano delle regole e che le stesse vengano rispettate" a partire dall'occupazione di suolo pubblico fino alle emissioni acustiche moleste ed alla vendita di alcolici ai minori (una prassi che purtroppo qualche esercente continua a praticare). "Anzi, le nostre porte - prosegue la presidente del comitato cittadino - Sono aperte a tutti quei commercianti che vogliono controlli e che rispettano le regole".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, un doveroso passaggio sulla "zona rossa" con ampie porzioni di città dove il consumo di alcolici è consentito anche dopo le 23, dalla zona del Monumento ai Caduti al parco Gabriella. "Il rischio è che fenomeni di disordine pubblico possano semplicemente spostarsi senza risolvere il problema. Anzi - conclude Di Costanzo - i locali di quelle zone sarebbero addirittura avvantaggiati andando a creare disparità di trattamento con i colleghi del centro storico e, quindi, una concorrenza sleale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • “Scuole riaperte da mercoledì”, ma De Luca spegne l’entusiasmo

  • Oltre 500 positivi e 3 morti in 48 ore: cresce l’allerta Covid nel casertano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento