menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tutto come previsto: De Luca ‘chiude’ Elementari e Medie

Restano aperte solo Infanzia, prime e seconde elementari (sindaci permettendo)

Tutto come previsto: il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha deciso di proseguire sulla linea del rigore ed ha disposto, con l’ordinanza numero 95, la sospensione della didattica in presenza dalle terze classi delle elementari fino alla terza media. La novitàm riguarda il rientro in presenza anche delle seconde classi delle elementari. Una decisione attesa dopo che la Campania è passata in ‘zona arancione’ (che prevede l’attivazione della didattica a distanza solo per le Superiori) e visto che oggi scadeva il precedente provvedimento del governatore.

“A seguito della riunione dell'Unità di Crisi - si legge in una nota della Regione Campania - e sulla base della relazione tecnica che ha tenuto conto anche dei risultati dello screening sulla popolazione scolastica che è proseguito anche la scorsa settimana, nell'ordinanza viene stabilito che sarà consentita, a partire dal 9 dicembre 2020, l'attività didattica in presenza dalla scuola dei servizi educativi dell'infanzia fino alla seconda classe della Primaria. Per tutte le altre classi della Primaria e della Secondaria di primo e secondo grado, prosegue la didattica a distanza".

Restano, dunque, aperte in presenza solo le classi dell’Infanzia, le prime e le secone elementari, a meno che non arrivino le ordinanze di chiusura dei sindaci. In provincia di Caserta la maggior parte delle fasce tricolori sta disponendo la chiusura delle classi fino a Natale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il blocco autostradale lascia i bambini senza pranzo

  • Cronaca

    Boom di guariti nel casertano, contagi in calo

  • Cronaca

    La Procura sequestra il varco d'ingresso al Lidl

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento