rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Attualità Mondragone

Crisi rifiuti, l’opposizione lascia il Consiglio: “Scomparsa la democrazia”

Bufera per il mancato permesso di intervenire dopo le dichiarazioni del sindaco

Hanno abbandonato l’aula consiliare, infuriati per l’impossibilità di intervenire dopo le dichiarazioni del sindaco Virgilio Pacifico sull’emergenza rifiuti in città. Opposizione sugli scudi a Mondragone dopo quanto accaduto nel consiglio comunale tenutosi ieri sera. 

A lanciare le pesanti accuse sono stati i consiglieri Valerio Bertolino, Achille Cennami, Pasquale Marquez, Alessandro Pagliaro, Antonio Pagliaro e Giovanni Schiappa, che prima di uscire dall’aula si sono rivolti così al sindaco: “Dopo l’impegno assunto in conferenza dei capigruppo di iscrivere, straordinariamente, al primo punto dell’ordine del giorno le comunicazioni del sindaco per parlare della catastrofe rifiuti da loro creata ad arte, ci hanno negato di intervenire mortificando letteralmente la dignità istituzionale dell’assise cittadina. Riteniamo che sia scomparsa la democrazia al comune di Mondragone, non per scelta ma per il timore di confrontarsi perché l’intera maggioranza è consapevole della sua superficialità, l’esecutivo comprende l’approssimazione che mette nell’impegno, il sindaco addirittura è come se non ci fosse perché non ha il coraggio di ricoprire il ruolo né esercitare la funzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi rifiuti, l’opposizione lascia il Consiglio: “Scomparsa la democrazia”

CasertaNews è in caricamento