Un consiglio comunale per il mercato chiuso dai Nas: opposizione furiosa

Durissima nota della minoranza aversana: "L'amministrazione continua a perdere tempo e non prendere nessuna decisione"

Durissima la posizione del consigliere Gianluca Golia

Opposizione consiliare sugli scudi sulla questione del Mercato Ortofrutticolo di Aversa, chiuso dopo un blitz dei Nas che hanno evidenziato gravi careneze strutturali. Lo scorso 22 ottobre la minoranza in consiglio comunale di Aversa aveva proposto la convocazione di un consiglio comunale per discutere la questione e prendere le giuste decisioni per la risoluzione di questo annoso ed urgente problematica!

"È inspiegabile - spiega il consigliere Gianluca Golia -  che a quasi un mese dalla chiusura non sia ancora chiaro cosa voglia fare questa amministrazione e come procedere al ripristino della normalità. Purtroppo, per l'ennesima volta registriamo il dilettantismo di questa maggioranza, che invece di aprirsi ad un confronto trasparente con la cittadinanza e con le forze politiche di minoranza, pone all'ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale l'istituzione di una commissione temporanea che farà perdere ulteriore tempo a chi tempo non ne ha, danneggiando ulteriormente gli operatori del Mof, le 300 famiglie coinvolte e l'intera comunità aversana".  

francesco di virgilio aversa-2

"Furbescamente - continuano gli ex consiglieri comunali Francesco di Virgilio ed Augusto Bisceglia - la maggioranza prende, o peggio perde, tempo, rimanda la discussione in altre sedi, congelando in tal modo, il confronto in consiglio. Nel consiglio del 7 novembre si potrà solo discutere di dove, come e quando, parlare del MOF e non, invece prendere decisioni immediate nello stesso Consiglio. Esprimiamo il nostro rammarico per questo immobilismo totale dell'amministrazione Golia: una mossa che ha molto, forse troppo, di vecchia politica e che serve esclusivamente a procrastinare l'impegno dell'amministrazione che, palesemente, ha deciso di non affrontare di petto la situazione. Anzi, con molta probabilità ha scelto di non affrontarla affatto. I "cattivi pensieri" di chi immagina la volontà da parte di qualcuno di delocalizzare il MOF portandolo via da Aversa sembrano iniziare a trovare inquietanti conferme da questo tipo di atteggiamento. Ogni giorno e ogni ora persa sono un danno inestimabile per tutta la città e, soprattutto, ulteriori ritardi affosseranno maggiormente la speranza di quelle famiglie che, con il Mof, ci vivono. La disperazione di 300 famiglie non può attendere "tempi tecnici" ma pretende risposte e soluzioni immediate! Se questa amministrazione non è in grado di risolvere il problema ne prenda atto e chieda, con l'umiltà dei giusti, aiuto. Nessuno si sottrarrà all'impegno. Nessuno speculerà. Nessuno approfitterà della già tragica situazione delle famiglie degli operatori del Mof e della Città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento