rotate-mobile
Attualità Casapulla

"Mi sono operata per non avere figli. Oggi non mi vergogno più della mia scelta"

Anna ha deciso di asportare le tube di Falloppio per evitare gravidanze: "Vivevo la mia sessualità con ansia. Ora mi sento libera". La sua storia anche in tv da Barbara D'Urso

Ha deciso di sottoporsi ad un intervento chirurgico per asportare le tube di Falloppio allo scopo di non avere figli. E' la storia di Anna Gravino, 35enne di Casapulla, che oggi racconta di "non vergognarsi più della sua scelta".

"Sin da bambina non ho mai avuto l'intenzione di avere dei bambini. Non preferivo giocare con le bambole e nemmeno a quei giochi tipo 'mamma e figlia' - racconta Anna a CasertaNews - Poi a 16 anni, quando ho sterilizzato la mia cagnolina, pensai che sarebbe stato bello se una pratica del genere si potesse fare anche sugli esseri umani. Così ho iniziato ad informarmi ed ho scoperto che non è una pratica illegale". 

Così in lei è maturata la scelta di 'sterilizzarsi'. "Non è stato semplice - dice ancora - In tanti mi dicevano che ero troppo piccola, che me ne sarei pentita, che magari mi sarei innamorata di un uomo che voleva avere figli. Vivevo la mia sessualità con ansia pur utilizzando anticoncezionali. Avevo il terrore anche di una minima possibilità, in termini percentuali, di poter rimanere incinta". Una paura dettata anche dalla difficile accessibilità all'aborto: "Non ho mai abortito ma qualche mia amica lo ha fatto ed ha avuto problemi tra pressioni psicologiche e tempi lunghi", che possono provocare possibili ripensamenti.

Così ha avviato un iter psicologico. "Il mio primo psicologo mi ha fatto sentire sbagliata - rivela - Mi disse che ci avrei ripensato. Così ho deciso di rivolgermi alla mia attuale psicologa che, nonostante non avesse mai seguito un percorso simile, mi ha lasciato libera di poter esprimere le mie idee". Così, parallelamente al percorso psicologico, è iniziata la ricerca di un medico che la operasse. 

"Un ginecologo di Santa Maria Capua Vetere si è rifiutato dicendomi che non poteva precludermi la maternità - racconta - Una risposta identica a quella che mi hanno dato altri medici della zona. Così, cercando su internet, ho contattato un medico in Veneto. Ho firmato tutti i consensi ed anche qui c'erano altre donne, tra cui anche una dottoressa, che mi facevano pressioni per impedire la mia scelta dicendomi che era irreversibile. Mi sono operata ed ora mi sento libera. Il mio corpo corrisponde esattamente a quello che io sono". 

L'intervento, inoltre, non le precluderebbe la maternità. "Posso avere un figlio con la fecondazione assistita o adottarne uno se ne volessi", chiarisce ancora Anna che dopo 7 anni riesce a parlarne liberamente: "non ho più vergogna di me stessa", dichiara. 

Il tema è delicato. Anna vorrebbe che della sua scelta, "la stessa di molte donne costrette ad avere figli per una questione sociale", se ne parli liberamente. "Una donna che non vuole avere figli è ancora un tabù", spiega. Per questo ha aperto sui social un gruppo Facebook per "informare chi vuol seguire lo stesso mio percorso e condividere la mia esperienza". 

Della storia di Anna se ne è occupata la trasmissione Pomeriggio 5 condotta da Barbara D'Urso nei giorni scorsi.

anna grav 1

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mi sono operata per non avere figli. Oggi non mi vergogno più della mia scelta"

CasertaNews è in caricamento