rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Attualità Castel Volturno

Ucciso dai Casalesi, il figlio di Noviello: "La giustizia tarda ma presto arriverà"

Da Padova a Napoli per seguire l'udienza del processo bis a carico di Francesco Cirillo

"Siamo in attesa di una giustizia che forse tarderà ma che di certo arriverà". E' il messaggio che Massimiliano Noviello ha lanciato dai social postando una foto del gruppo di amici che lo hanno appoggiato in questa difficile giornata davanti all'aula 328 del Palazzo di Giustizia di Napoli dove è iniziato il nuovo processo a carico di Francesco Cirillo, accusato di aver preso parte all'omicidio dell'imprenditore Domenico Noviello, ammazzato nel maggio 2008 a Castel Volturno dak killer dei Casalesi Giseppe Setola.

"Oggi - ha scritto Massimiliano Noviello - eravamo in compagnia di tanti amici, la FAI federazione antiracket italiana, LIbera Campania, Comitato Don Peppe Diana e cari amici venuti da Padova per mostrarci la loro vicinanza, in attesa di una giustizia per l’omicidio di nostro padre Domenico Noviello assassinato per essere rimasto un uomo LIBERO". Il primogenito dell'imprenditore ha parlato di "emozioni forti e tanto nervosismo" nell'attesa di questo processo bis a carico di Francesco Cirillo. "È l'unico a non essere stato condannato, eppure è stato lui la causa dell'omicidio di mio padre. Credo nella giustizia, spero nella sua condanna". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso dai Casalesi, il figlio di Noviello: "La giustizia tarda ma presto arriverà"

CasertaNews è in caricamento