rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità San Felice a Cancello

Netturbini senza stipendio, il sindacato chiede un incontro e lancia ‘minacce’

La Fiadel vuole un vertice con Comune e azienda: “In caso contrario avvieremo azioni di protesta”

Torna la tensione tra sindacati, Comune di San Felice a Cancello e Buttol, società che gestisce il servizio di raccolta rifiuti e igiene urbana in città. Con una nota la Fiadel ha infatti lanciato un nuovo allarme per la situazione riguardante gli stipendi degli addetti.

“L’azienda - scrive il dirigente provinciale Giovanni Guarino - persiste nell’inadempimento dei propri obblighi contrattuali.  Infatti, a tutt’oggi ai lavoratori non è stata corrisposta la retribuzione, relativa alla mensilità di giugno, e la quattordicesima mensilità, senza peraltro fornire adeguate informazioni in merito. Tuttavia i lavoratori, nonostante le difficoltà di carattere economico causate dall’azienda, operano quotidianamente senza causare particolari disservizi e/o interruzioni alla raccolta dei rifiuti. La pazienza dei lavoratori è messa a dura prova, poiché la condizione di disagio sta ostacolando un dignitoso godimento del periodo di ferie, penalizzando, di conseguenza l’intero nucleo familiare di ogni lavoratore”.

Per questo il sindacato ha chiesto un incontro congiunto con le parti: Comune, azienda, Prefettura e commissione di garanzia. La ‘minaccia’ in caso contrario è di “avviare clamorose ed incisive azioni di protesta a difesa dei diritti dei lavoratori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Netturbini senza stipendio, il sindacato chiede un incontro e lancia ‘minacce’

CasertaNews è in caricamento