Venerdì, 19 Luglio 2024
Attualità Aversa

Magazzino 'interrato' trasformato in negozio, i giudici confermano la chiusura

Il Comune aveva annullato in autotutela i permessi "fondati su una falsa rappresentazione dei fatti"

Attività chiusa e permessi edilizi annullati in autotutela. L'ottava sezione del Tar Campania - presidente Alessandro Tomassetti - respinge il ricorso di una società confermando, dunque, i provvedimenti adottati dal Comune di Aversa. 

La vicenda nasce nel 2023 quando l'Ente, difeso dall'avvocato Giuseppe Nerone, dispone la "cessazione e chiusura immediata dell'attività commerciale" revocando, in autotutela, anche i titoli edilizi precedentemente rilasciati. In pratica, come confermato dai giudici, il Comune avrebbe applicato correttamente il regolamento edilizio comunale che consente, nei piani interrati e seminterrati, solo l'ubicazione di "magazzini e autorimesse". 

I permessi - si legge nelle motivazioni della sentenza - si sarebbero fondati "sulla base di false rappresentazioni dei fatti" in quanto i locali al piano interrato, oggetto di sanatoria, avrebbero ospitato locali commerciali aperti al pubblico "così di fatto “trasformando” in attività commerciale anche la parte originariamente adibita a deposito", proseguono i giudici. Una "omissione" che "assume, ad avviso del Collegio, portata decisiva".

In particolare, "l’avviso del Collegio, re melius perpensa, è invece nel senso che non si può ritenere urbanisticamente irrilevante la trasformazione di un magazzino per deposito, come pure di altri locali accessori (ad es. garage), in un vano ad uso commerciale, siccome 'in materia di edilizia, il cambio di destinazione d'uso di un preesistente manufatto non richiede alcun titolo abilitativo nel solo caso in cui si realizzi fra categorie edilizie omogenee'", scrivono i giudici. Il ricorso è stato così respinto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Magazzino 'interrato' trasformato in negozio, i giudici confermano la chiusura
CasertaNews è in caricamento